Maggio 21, 2024
Paddock News 24
DTMEndurance

DTM | Oschersleben, Risultati e sintesi Gara-1 – Vince la Ferrari Emil Frey di Aitken, delusione per Schubert e Wittmann!

Jack Aitken e Emil Frey dominano la prima gara stagionale del DTM a Oschersleben, Marco Wittmann e BMW-Schubert riescono nel colpaccio sotto FCY, ma pagano un problema di carburante nel finale: i risultati di gara-1

Jack Aitken e la Ferrari #14 Emil Frey Racing hanno vinto gara-1 del DTM a Oschersleben, una gara dominata dall’inizio alla fine… o quasi. Infatti Marco Wittmann e Schubert Racing sono riusciti a sfruttare l’unica FCY e Safety Car della gara per fermarsi qualche attimo primo della neutralizzazione, rientrando al comando. La fortuna incredibile della BMW #11, che era fin lì sedicesima, è voltata in sfortuna negli ultimi minuti, quando Wittmann si è ritirato di colpo per mancanza di pressione carburante.

Mirko Bortolotti e Ricardo Feller completano il podio, con Sheldon Van Der Linde quarto davanti a Stolz, Auer, Rast, Maini, Vermeulen e Preining, questi ultimi hanno recuperato da 12° e 15° fino alla top-10.

“Mi spiace per Marco, sembra che abbia avuto qualche problema, alla fine però abbiamo avuto sfortuna noi con la FCY perdendo la prima posizione, e poi la fortuna è tornata da noi, forse si autolivella”, ha detto Aitken nel post-gara.

Risultati Gara-1 Oschersleben

Risultati Gara-1 Oschersleben DTM


Leggi anche:

DTM | Oschersleben, Risultati Qualifiche 1 – Aitken mette la Ferrari in pole, ma Bortolotti è alle calcagna – Cronaca Live


Lotta Bortolotti-Feller alla partenza

Alla partenza Aitken si mantiene davanti a Bortolotti e Feller, con Maini quarto e Sheldon Van Der Linde quinto.

Mentre Aitken e la sua Ferrari vanno in relativa fuga, Bortolotti è impegnato a difendersi da un famelico Feller, mentre Maini, SVDL e Stolz formano il loro gruppetto dietro. Thiim è intanto il primo ritiro, in una giornata comunque decisamente sfortunata per il danese.

Nel frattempo c’è battaglia dietro tra Luca Engstler, Kelvin Van Der Linde e Thierry Vermeulen, c’è anche un contatto tra il sudafricano e l’olandese, prima che la Ferrari #69 rientri per prima ai box all’apertura della pit window, e Kelvin passi la Lamborghini di Paul.

Bortolotti e Maini si fermano ai box il giro dopo, seguito il giro successivo da Aitken e Maini. Bortolotti passa facilmente Stolz su gomme fredde, ma si ritrova dietro a Ricardo Feller, con la Audi che riesce a riscaldare le gomme mantenendo la posizione sulla Lamborghini #92. Stolz poi supera uno Sheldon Van Der Linde su gomme fredde andando addirittura al contatto.

Complessivamente le prime tre posizioni non cambiano, dietro però troviamo Sheldon Van Der Linde, Luca Stolz e Lucas Auer, con Rast, Maini, Vermeulen e Van Der Linde che completano la top-10.

Wittmann e Schubert riescono nel colpaccio con la FCY, ma sono traditi dal carburante

Con 28 minuti dalla fine la McLaren di Ben Doerr perde la posteriore sinistra fissata male e parcheggia sul rettilineo di partenza, chiamando una Full Course Yellow con i piloti limitati a solo 50 km/h. Marco Wittmann effettua una sosta sotto FCY, diventando teoricamente il leader della corsa, e a quanto pare riuscendo a tagliare la linea dei pit qualche attimo prima dell’attivazione della Full Course Yellow. Per questo motivo non deve rientrare, e ha essenzialmente guadagnato la prima posizione, guadagnando ben 15 posizioni!

Il gap, come da regolamento, viene chiuso dall’ingresso della Safety Car, e si riparte con 15 minuti alla fine.

Ottimo lo start di Wittmann, mentre Aitken viene quasi passato da Feller, che però lascia aperta la porta a Bortolotti che non fa sconti e passa la Audi #7 ABT. Wittmann si mantiene quindi al comando con una certa distanza di sicurezza, mentre dietro Aitken e Bortolotti faticano a mantenere il contatto.

Con 4 minuti dalla fine c’è però un incredibile colpo di scena: la BMW #11 di Wittmann rallenta di colpo e poi si ferma, con un desolato due volte campione DTM che accusa subito una perdita di pressione alla pompa del carburante.

Rientra in pista quindi la Safety Car, mentre la #11 viene riportata ai box, ma c’è ancora un giro da compiere sotto bandiera verde: Aitken riparte bene, Sheldon Van Der Linde tenta l’attacco su Feller, ma non riesce, così come Rast su Auer.

Copertina: DTM


Rimani sempre aggiornato sul mondo Endurance entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

IMSA | 24 Ore di Daytona 2024 – Un inizio decisamente in salita per la BMW

Lorenzo P

ELMS | Taglio del peso e più potenza per le LMP2 2024

Francesco Ghiloni

WEC | Coletta: Problemi della 499P? “Ferrari risponde con i fatti”

Jacopo Moretti

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.