Maggio 24, 2024
Paddock News 24
EnduranceIMSAPN24

IMSA | 12 ore di Sebring – Risultati finali: trionfa la Acura #40, Lexus vince in GTD-PRO

Acura e WTR Andretti conquistano la 12 ore di Sebring in un finale al cardiopalma, lotta incredibile anche in GTD-PRO con la vittoria di Lexus: i risultati

Acura torna al successo, per la prima volta Wayne Taylor Racing with Andretti vince nell’era GTP, conquistando la 12 ore di Sebring dopo un duello finale che va oltre i risultati, con Louis Deletraz autore del sorpasso decisivo sulla Cadillac #01 di Bourdais, con 5 minuti alla fine. Con ben tre caution nell’ultima ora su un totale di 12 in gara, i piloti hanno spinto, decidendo in pista la vittoria.

La Acura #40 di Jordan Taylor/Colton Herta/Louis Delatraz è emersa solo nelle ultime ore della 12 ore di Sebring, dopo il guasto per la Acura #10 e il clamoroso incidente della Cadillac #31, mattatrice della prima metà di gara. Porsche, pur sempre vicina alle prime posizioni, non è stata abbastanza incisiva, la #7 di Cameron/Campbell/Nasr giunge terza, davanti alla BMW #25 RLL, mentre la Porsche #6 chiude solo 9a dopo un incidente. Buon debutto per la Lamborghini SC63, settima e nel giro di testa con una gara abbastanza pulita malgrado la mancanza di passo.

LMP2: ERA Motorsport raddoppia

ERA Motorsport (Connor Zilisch/Dwight Merrimen/Ryan Dalziel) vincono ancora, dopo il trionfo a Daytona, con appena un secondo di margine sulla #11 TDS Racing di Jensen/Thomas/McElrea. Decisiva è stata la strategia, con la gestione dell’ultima sosta in undercut che ha permesso di agguantare la prima posizione con 40 minuti alla fine,anche se già dalla seconda metà di gara la squadra aveva iniziato ad alternarsi in testa. Da segnalare la ottima quarta posizione della Ligier #33 Sean Creech di Edgar/Barbosa/Willsey, che è arrivata ai margini del podio, mostrando un grande miglioramento da Daytona.

IMSA risultati 12 ore Sebring
Lexus torna a vincere in IMSA dopo due gare difficili – Foto: Michelin USA

GTD-PRO: Lexus torna alla vittoria… per un decimo

Dopo due gare deludenti, Lexus è tornata alla vittoria, la #14 VasserSullivan di Hawksworth/Barnicoat/Kirkwood ha affrontato una lotta a cinque nell’ultima ora, con Hawksworth che è riuscito in un controsorpasso che ha portato fuori pista un Daniel Serra davvero furioso. Il ferrarista è giunto 2° assieme a James Calado e Davide Rigon sulla Ferrari #62 Risi Competizione, dopo una giornata a tratti non semplice, e un’ora finale al cardiopalma, con più di un capovolgimento, giungendo infine a un solo decimo dalla vittoria.

Terzo posto per la Lamborghini #19 Iron Lynx di Mirko Bortolotti, Franck Perera e Jordan Pepper, che hanno approfittato dello scontro nel finale tra la Corvette #3 e la Porsche #77 AO Racing, altre grandi protagoniste della giornata a Sebring.

GTD: Winward Racing inarrestabile 12 ore Sebring Risultati

Anche la Mercedes #57 Winward Racing è alla seconda vittoria consecutiva, e anche stavolta Russell Ward, Indy Dontje e Philip Ellis hanno dominato gran parte della corsa, per poi doversela sudare contro una Ferrari, stavolta la #47 CETILAR di Fuoco/Lacorte/Sernagiotto, giunta seconda per solo 6 decimi, con la Porsche #120 Wright di Adelson/Skeer/Heylen terza.

Classifica 12 ore di Sebring 2024

Louis Deletraz, Jordan Taylor e Colton Herta, i vincitori di questa edizione: per Taylor è la 3ª vittoria – Immagini HRC US

Le altre sintesi della 12 ore di Sebring 2024:


Decima ora 12 ore Sebring Risultati

Dopo la caution che ha chiuso la nona ora, si riparte con 2 ore e 48 minuti alla fine, Makowiecki guida davanti alla Porsche #7 di Campbell, poi troviamo la Cadillac #01, e inoltre la #6 non viene penalizzata per il contatto con la Acura #66 di alcuni minuti prima.

Makowiecki però subito dopo perde il controllo, forse a causa di una foratura, e finisce in testacoda nello sporco danneggiando la vettura, e perdendo complessivamente due giri.

A questo punto rimangono solo 6 auto nel giro di testa, la Porsche #7 Penske, la Cadillac #01 Ganassi, le due BMW, la Acura #40 e la Porsche #5 Proton. La lotta si fa serrata in un momento di traffico, Herta ne approfitta per portare la Acura #40 in quarta posizione.

La Porsche #7 quindi rientra ai box in anticipo, ma la Cadillac #01 riesce a passarla ai box fermandosi un giro dopo.

Leader:

⚫️Acura #40
🔵 United #2
🔴 Lexus #14
🟢 Mercedes #57 Winward

Undicesima ora

La Cadillac #01 di Bourdais rimane davanti a Campbell, mentre davanti la Acura #40 e la Proton #5 vanno lunghi e rientrano con un’ora e 54 minuti alla fine, differenziando le strategie. Alla fine la #40 paga 10 secondi dalla Porsche #7, a sua volta 2 secondi dietro la Cadillac #01 che è al comando.

In LMP2 la #18 ERA soffre di un detrito nei radiatori, mentre davanti torna in testa la #11 TDS Racing, davanti alla #2  United.

La Lexus #14 è tornata al comando in GTD-PRO dopo l’ultimo round di sosta, Hawksworth e Heinrich sulla Porsche #77 AO Racing sono in lotta da diverse ore, e in questa fase vicinissimi, ma la Porsche potrebbe avere bisogno di una sosta in più. La Lamborghini #63 e la Ferrari #62 inseguono, quest’ultima dopo una buona rimonta. La Mercedes #57 Winward rimane al comando in GTD, con la BMW #96 Turner che insegue.


Leggi anche:
IMSA | Svelato in largo anticipo il calendario 2025: inizio a Daytona il 25 gennaio


La Porsche #7 ancora si ferma in anticipo, segiuita dalla Cadillac #01 due giri dopo. Poco dopo, entra una nuova caution per un grosso detrito in pista, lasciato ancora da una Ford. Sfruttando le precedenti soste, la Cadillac #01 e la b di Bourdais e Nasr sono emerse davanti alla Acura #40. In LMP2 la #11 TDS Racing di Jensen si conferma davanti alla #04 Crowdstrike di Braun.

 

Corvette sfrutta invece la strategia pregressa, che ha fatto risparmiare carburante, per piazzare la #3 di Juncadella davanti a tutti con una sosta più corta sotto caution. In GTD-PRO sono seguiti dalla Lexus #14, la Lamborghini #19, la Porsche #77 e la Ferrari #62 Risi. Simile discorso per la Aston #44 Magnus Racing, ora al comando in GTD, davanti alla Mercedes #57 Winward, alla #120 Wright e alla #47 CETILAR.

Leader:

⚫️Cadillac #01 Chip Ganassi
🔵 #81 DragonSpeed
🔴 Corvette #3
🟢 Mercedes #57 Winward

Ultima ora 12 ore Sebring Risultati

Si riparte con 57 minuti alla fine. La DragonSpeed #81, che risultava prima in LMP2, viene penalizzata per un wave-by irregolare sotto la pace car, avrebbe accidentalmente guadagnato un giro.

Deletraz attacca e supera la Porsche #7 di Nasr, Bourdais nel frattempo è sparito con 5 secondi di vantaggio, ma la Acura #40 recupera rapidamente.

Intanto in GTD-PRO Serra sulla Ferrari #62 attacca e supera tutti dalla quinta alla seconda posizione, con un ottimo scatto alla partenza e il sorpasso di Juncadella poco dopo, mentre la Lexus #14 è passata al comando. Similmente la Ferrari #47 di Fuoco è passata da quarta a seconda in pochi giri.


Poco dopo viene chiamata la caution, per la Ford #55 Proton ferma in pista. E’ una short yellow senza soste, e questo potrebbe permettere alle GTP di andare avanti fino alla fine.

Si riparte con 40 minuti alla fine, e gran parte delle LMP2, salvo le prime tre si fermano ai box subito. Nel frattempo c’è un sorpasso spettacolare di De Philippi in curva 1, si porta in P5 guadagnando tre posizioni. La strategia delle LMP2 che si sono fermate per prima si rivela azzeccata, la #18 ERA rientra prima davanti alla #74 Riley, dietro troviamo la #04 Crowdstrike e la #11 TDS.

I duelli finali

In GTD-PRO Daniel Serra supera Hawksworth per la prima posizione, portando per la prima volta la Ferrari #62 Risi in testa alla corsa. La bandiera verde non dura molto, a causa dei detriti lasciati in pista dalla Ford Mustang #64, un problema ricorrente per le nuove GT3.

Alla ripartenza con 23 minuti alla fine Delatraz si difende duramente da Nasr e Andlauer.

In GTD-PRO Hawksworth (Lexus #14) supera Juncadella e poi Serra, mandandolo sull’erba, Serra poi ripassa la #77 AO Racing e si rilancia all’inseguimento dei primi due. Poi Heinrich riesce a riprendere la Ferrari di Serra con un grandissimo sorpasso in curva 14, ma il brasiliano ancora controsorpassa per il podio, e poi va a riprendere anche Juncadella. Poco dopo Juncadella e Heinrich si scontrano, la Corvette #3 ha la peggio finendo a bordo pista, mentre Serra va ad agganciare Hawksworth, ma non c’è più tempo, la Lexus vince per appena due decimi. La Lamborghini #63 sale sul podio, a seguito dei 35 secondi di penalità per la #77 AO Racing comminata per l’incidente con Juncadella.

La Mercedes #57 Winward Racing vince in GTD, Ellis riesce a mantenere dietro Fuoco (Ferrari #47 Cetilar) e Skeer nell’ultimo stint

Bourdais vs Deletraz è il duello finale per la vittoria, i due sono vicinissimi nel traffico, e vanno al contatto con 7 minuti alla fine. Deletraz ci riprova al tornante con 5 minuti alla fine, e ci riesce malgrado la dura difesa di Bourdais che tenta l’incrocio, ma non riesce nel riagganciare la #40. Terzo posto da mero spettatore per la Porsche #7 di Nasr, davanti alla BMW #25 e alla Acura #10, che ha rimontato con Albuquerque fino alla quinta posizione.

Vincitori:

⚫️Acura #40 WTR Andretti
🔵 #18 ERA
🔴 Lexus #14 Vasser Sullivan
🟢 Mercedes #57 Winward

Copertina: Immagini Wayne Taylor Racing Andretti


Rimani sempre aggiornato sul mondo Endurance entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: Telegram – TikTok – Instagram – Facebook – Twitter


 

Articoli Correlati

WEC | Le classifiche dopo la 24 ore di Le Mans [Round 4/7]

Antonio Etienne Villa

F1 | I team di Formula 1 si rifiutano di partecipare ai test per l’abolizione delle termocoperte

Daniele Lo Re

F1 | GP Monaco – Charles Leclerc svela il nuovo casco: le foto

Antonia De Falco

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.