Febbraio 26, 2024
Paddock News 24
FormulaEIntervista

Formula E | Jake Dennis commenta l’inizio di stagione del team Andretti: “Dobbiamo tornare costanti. I rivali adesso sono più vicini”

Inizio di stagione di Formula E non del tutto entusiasmante per Jake Dennis e il team Andretti, abbiamo avuto l’opportunità di parlarne direttamente con il campione del mondo in carica.

Formula E - Diriyah E-Prix - Jake Dennis, Andretti
Jake Dennis alla guida dell’Andretti sul circuito di Diryah – Foto: FIA Formula E

Nonostante la vittoria della Gara 1 di Formula E a Diryah, ottenuta dominando, in Gara 2 le cose non hanno funzionato allo stesso modo per Andretti e Dennis. Dalla qualifica 2 le monoposto del team americano si sono dimostrate poco competitive. Lo stesso Dennis ha affermato come la bandiera rossa non abbia rovinato le sue possibilità di accedere alla fase a duelli, considerando le performance non sarebbe comunque passato alla fase successiva. L’inglese, in gara, è riuscito anche in una quasi rimonta tagliando il traguardo in 10° piazza dopo essere scattato 14°. Dopo la bandiera a scacchi è arrivata però una penalità di 5 secondi. Un sorpasso sotto bandiera gialla ai danni di Evans che era andato a prendere l’Attack Mode. Il campione del mondo in carica è così retrocesso in 12° con il neozelandese di casa Jaguar che è entrato in zona punti.


Leggi anche: Formula E | Diriyah E-Prix – Weekend positivo per McLaren, Bird: “Contento per i punti, pacchetto molto competitivo”


Jake Dennis, a domanda di PaddockNews24, ha commentato come, per quanto riguarda le prestazioni del Messico, il team Andretti aveva provato qualcosa di diverso a livello software. La modifica non ha evidentemente funzionato considerando le prestazioni del team e quelle di Porsche.

Abbiamo compreso perché eravamo lenti in Messico, abbiamo provato qualcosa con il software che non ha funzionato del tutto.” – Ha dichiarato Dennis. –  “Era qualcosa di diverso rispetto alle Porsche ma loro hanno avuto un buon weekend mentre noi no, poi siamo arrivati in Arabia Saudita e abbiamo vinto al venerdì. Sappiamo il perché delle prestazioni del Messico e non faremo lo stesso errore di nuovo.”

Sui risultati ottenuti a Diriyah, il campione del mondo in carica ha dichiarato come sia cruciale ritrovare la costanza, cosa che nella passata stagione non mancava. I precedenti campionati di Formula E hanno dimostrato come, in un campionato competitivo come quello elettrico, sia cruciale riuscire a portare a casa il maggior numero di punti possibili considerando le prestazioni. Inoltre, rispetto al 2023, ci sono nuovi team che si sono uniti alla lotta.

“Sabato è stata una sfida, al momento vogliamo ritrovare la costanza. Per ora è un 50 e 50, abbiamo giorni davvero buoni e altri no. Dobbiamo tornare costanti, l’anno scorso lo eravamo o e avevamo ottime performance in ogni gara.” – Ha commentato il pilota Andretti. – “I rivali adesso sono più vicini, ora posso arrivare 12° mentre l’anno scorso con le performance di sabato sarei arrivato 6°, non sarebbe stato così male. Ora però vieni punito di più, ci sono McLaren, DS Penske, Nissan, Maserati che hanno prestazioni di alto livello. Hai, potenzialmente, ulteriori 8 macchine davanti a te. Siamo un po’ fuori forma al momento, Cassidy è l’unico ad essere stato costante per ora. Sta guidando davvero bene e ottenendo punti. Al momento è davanti di 29 punti ma siamo solo al Round 3 quindi non è del tutto preoccupante.


Rimani sempre aggiornato sulla Formula E entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

Formula E | E se i circuiti fossero un problema per la sicurezza? Perchè il problema non è solo la tradizione

Lorenzo P

Formula E | Londra E-Prix – TAG Heuer Porsche per l’impresa impossibile, Wehrlein: “L’obiettivo resta la classifica a squadre”

Lorenzo P

Formula E | Roma E-Prix, in vendita i biglietti per la doppia tappa italiana

Giada Di Somma

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.