Maggio 21, 2024
Paddock News 24
FormulaE

Formula E | Il futuro è già qui: rivelate le linee guida della Gen 4

Nonostante la stagione in corso molto serrata, la Formula E continua ad interrogarsi sul futuro e sulle nuove vetture Gen 4 che dovranno alzare l’asticella della competizione, senza snaturare la categoria

Come noto, nel 2026 in Formula E competeranno delle vetture di nuova generazione, per comodità espositiva definite come Gen 4. Sullo sfondo – ma su questa specifica i tempi di lavoro saranno molto più serrati – la possibilità di effettuare una ricarica nel corso dell’E-Prix.

Ebbene, una volta definiti gli ultimi dettagli, le gare di appalto dovrebbero essere indette già in questo mese. Ad ottobre, poi, le decisioni sui fornitori delle tecnologie.

Le prime indiscrezioni

Secondo quanto riportato dalla testata The Race, alla base del nuovo progetto ci sarebbero alcuni punti. Più in particolare, l’ottica sarebbe quella dei 700kW di rigenerazione, 600kW di potenza massima rilasciata, oltre all’elemento di un sistema di assale anteriore attivo.

Formula E Gen 4 Futuro
Tre vetture Gen 3 in lotta tra loro – The Race Credits

Sempre secondo The Race, poi, la Formula E vorrebbe abbandonare la dicitura “Gen”, utilizzandone una nuova. In tal senso, al momento, “Gen 4” si limiterebbe – in maniera del tutto convenzionale – ad indicare la prossima generazione di veicoli che sostituirà le attuali Gen 3.

I requisiti della gara di appalto

Dal punto di vista tecnico generale, sono diverse le configurazioni che fungerebbero da linee guida per i bandi.

La prima, porterebbe ad omologare la medesima unità motrice, sia per l’anteriore che per il posteriore. La seconda, invece, vedrebbe un’omologazione specifica, separata e differenziata per ciascuno dei due assali.

L’ultima ipotesi sarebbe quella degli stessi gruppi motrici – sia sull’avantreno, che sul retrotreno – ma con diversa scatola del cambio e differenziale.

Novità anche alla voce ‘pneumatici’, visto che le attuali gomme scanalate dovrebbero lasciare spazio a quelle slick o intagliate. La variabile nella scelta, in tal senso, verterebbe tra la ricerca della prestazione pura e la competizione in condizioni meteo variabili.

Il confronto

Le indicazioni fornite dalla Formula E Teams and Manufacturers Association alla FIA sono state anche sottoposte al confronto con Dieter Gass, consulente tecnico e sportivo della categoria.

Entrato in carica poco prima dell’E-Prix di San Paolo, Gass svolgerà un ruolo chiave, facendo valere tutta la propria esperienza.

Il responsabile del Team Jota, in effetti, collaborerà con i costruttori e con la Federazione. L’imperativo sarà quello di rendere il processo di stesura dei nuovi regolamenti più fluido rispetto agli ultimi cambiamenti adottati.

Tempi sul giro più rapidi

Tra le possibili conseguenze dei nuovi regolamenti, diversi addetti ai lavori hanno prospettato tempi sul giro più rapidi, almeno rispetto all’attuale generazione di vetture.

A tal proposito, si è espressa Alessandra Ciliberti, responsabile tecnica della Formula E.

I tempi sul giro – ha dichiarato la Ciliberti sempre a The Race non costituiscono necessariamente la cifra della nostra ricerca, ma al massimo saranno una delle conseguenze delle nuove specifiche portate in pista. Ciò che è davvero fondamentale è continuare ad investire e a fare ricerca, anche perchè il 2027 non è così lontano e lo sviluppo deve cominciare da subito”.

Alla medesima testata, la Ciliberti ha poi aggiunto che – al netto delle prestazioni – le nuove vetture dovranno in primo luogo essere affidabili e sicure. Lo sviluppo di ogni singolo componente manterrà nell’affidabilità e nella sicurezza le proprie fondamenta. Certo, vorremmo avere più potenza e una migliore gestione dell’energia, ma non vogliamo spingerci troppo in là. Vogliamo andare sul sicuro, garantendo comunque la capacità di essere all’avanguardia nella tecnologia elettrica“.

Le prossime mosse

Nonostante alcune difficoltà iniziali, le squadre, la Federazione e la Formule E sembrerebbero aver trovato la quadra. I progressi delle ultime settimane sono stati incoraggianti.

Formula E Gen 4 Futuro
Sergio Sette Camara alla guida della Gen 3 della NIO 333 Racing – The Race Credits

I dibattiti proseguono. Ci si interroga, per esempio, su quali possano essere le implicazioni di carattere finanziario e quali elementi possano godere di una maggiore libertà di sviluppo. Il tempo stringe e la Formula E dovrà dimostrare di aver imparato la lezione tratta dalla complicata stesura dei regolamenti delle Gen 3.

Il 2026 non è mai stato così vicino.


Rimani sempre aggiornato sulla Formula E entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Articoli Correlati

Formula E | Misano E-Prix – Un sabato terribile per la TAG Heuer Porsche, ma riscatto di Wehrlein in Gara 2

Lorenzo P

Formula E | Londra E-Prix – Jaguar TCS Racing per esser protagonista, Evans: “Pronto a chiudere in bellezza la stagione”

Lorenzo P

Formula E | Tokyo E-Prix – McLaren e l’ottimo momento, Bird: “Pista particolare, sarà un’ulteriore sfida”

Alessandro P

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.