Maggio 22, 2024
Paddock News 24
FormulaE

Formula E | Le GEN 3 tanto veloci quanto impegnative, Rast: “È davvero difficile guidare al limite”

In una recente intervista ad Auto Bild Renè Rast ha spiegato i motivi per cui le nuove vetture di GEN 3 di Formula E sono un passo avanti non solo in termini di velocità ma anche nella difficoltà di guida.

Le nuove vetture di Formula E al debutto in questa stagione sono un notevole passo in avanti rispetto alle GEN 2. Il nuovo design e un pacchetto tecnico del tutto rinnovato hanno proiettato il mondiale elettrico in una nuova era.

formula e rast gen 3
Rene Rast al volante della McLaren GEN 3 nella gara di Hyderabad, Credit: Sam Bloxham, ABB FIA Formula E

In queste prime cinque gare è emerso che le nuove vetture GEN 3 sono più difficili da guidare e richiedono un approccio di guida diverso.

Le  GEN 3 hanno molta più potenza. Stiamo parlando di oltre 100 kW. L’auto ora ha quasi 500 CV“, ha detto Renè Rast ad Auto Bild. “Sono molto veloci e difficili da guidare, soprattutto in curva. È difficile guidare al limite perché abbiamo poca aderenza. Anche se a qualcuno non piace sentirlo dire è una delle categorie del motorsport più dure in cui abbia mai corso”.

La mancanza di grip è uno dei temi chiave della stagione, dal momento che ci sono tati tanti incidenti in queste prime cinque gare.

C’è una finestra di utilizzo molto ridotta in cui lo pneumatico funziona in modo ottimale“, spiega Rast. “Un piccolo errore e sei fuori dalla traiettoria ideale e finisci nel muro.”


Leggi anche: Formula E | GEN 4 – Porsche spinge per lo sviluppo delle batterie, Laudenbach: “È un qualcosa a cui puntiamo, avrebbe effetti anche sui veicoli stradali” 


Oltre alla difficoltà legata alla maggiore potenza e agli pneumatici, un altro aspetto da considerare è lo sforzo fisico richiesto. A detta dei piloti, lo sterzo è più pesante rispetto alle vetture precedenti.

Il volante è brutalmente pesante perché non abbiamo il servosterzo in Formula E“, ha commentato Rast.

Il tedesco ha poi sottolineato come, oltre a dover sterzare, il pilota deve anche tenere sotto controllo l’efficienza della batteria.

Se guidi un’auto di Formula E a piena velocità, si scaricherebbe in 20 minuti. Ma noi dobbiamo resistere almeno il doppio. Ecco perché dobbiamo cercare di tenere sotto controllo l’energia e recuperarne il più possibile. Il pilota deve controllare tutto da solo durante la gara. Questo aggiunge un altro fattore di difficoltà“.


Rimani sempre aggiornato sulla Formula E entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento sotto questo articolo per interagire con gli altri appassionati e diventare il lettore più attivo. Presto novità!


Articoli Correlati

Formula E | Monaco E-Prix – Doppietta e festa per la Jaguar TCS Racing, il vincitore Evans: “Qui è tutto più speciale”

Lorenzo P

Formula E | Roma E-Prix – Come arrivare in pista e gli oggetti vietati

Giada Di Somma

Formula E | San Paolo E-Prix – Weekend positivo per Jaguar: “Il doppio podio è un risultato importante”

Lorenzo P

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.