Luglio 15, 2024
Paddock News 24
FormulaE

Formula E | Londra E-Prix – Cassidy vince l’ultima dell’anno dopo un’ora e mezza di red flag, a Envision il titolo team

Nick Cassidy vince l’ultimo E-Prix del 2023 di Formula E a Londra con uno start posticipato di un’ora e mezza a causa della pioggia. Envision vince il titolo a squadre.

C’è ancora un titolo costruttori in palio: manca un ultimo E-Prix a Londra per concludere questa Season 9 di Formula E!


Leggi le dichiarazioni più calde dopo l’E-Prix di ieri:

Formula E | La rabbia di Cassidy dopo gara 1: “Perse due occasioni…e a Roma non è stata di proposito”

Formula E | Porsche e Da Costa contro i commissari dopo gara 1: “La FIA ci ha dato l’ok…e poi la penalità”


Formula E Londra E-Prix Cassidy
Foto: unknown

Envision parte con un vantaggio di due punti sulla Jaguar e con la Pole Position di Cassidy in tasca. In seconda posizione c’è però la Jaguar di Evans, mentre Bird e Buemi scatteranno dalla sesta e settima casella.

Più defilata ma aritmeticamente ancora in lotta c’è Andretti, con il neo campione del mondo Dennis che potrà dire la sua dal quarto posto ma avrà bisogno di un Lotterer ancora sottotono: solo quattordicesimo.

Cronaca dell’E-Prix di Londra di Formula E

Segui in diretta l’E-Prix di Londra di Formula E. La pagina si aggiorna in automatico ogni 90 secondi. La cronaca inizierà alle 17.55. 

17:55 – Siamo giunti allo sprint finale: questa è l’ultima gara della stagione da Londra!

17:58 – La gara di oggi durerà 34 giri e non 36 come quella di ieri.

18:03 – Scorrono le immagini della griglia di partenza, la pista è bagnata nella parte outdoor: la partenza è dietro Safety Car.

18:06 – Inizia il secondo giro di gara, i piloti seguono ancora la Safety Car quando arriva la comunicazione di Scot Elkins: “un ulteriore giro seguendo la SC”.

18:08 – La Safety Car rientra ai box, poi arriva controindicazione dalla direzione gara: Safety Car ancora in pista, entriamo al quarto giro.

18:10 – Bird commenta via radio: “La situazione sta peggiorando”, Dennis rincara la dose: “Non possiamo correre in queste condizioni, è orribile”.

18:12 – Piove troppo, bandiera rossa.

18:14 – Scot Elkins dà informazioni tecniche alle squadre in merito alla pressione degli pneumatici e detta i tempi per la ripartenza: almeno 15 minuti di stop.

18:18 – Brevi briefing per i piloti con i rispettivi ingegneri, sembrano esser scesi tutti dalle loro vetture.

18:22 – Jake Dennis intanto esce dai box e dagli spalti arriva un boato incredibile: tutti pazzi per il nuovo campione del mondo!

18:25 – Il direttore di gara Elkins ha lasciato il suo ufficio ed è ora a colloquio con Jean-Eric Vergne.

18:27 – Vergne è ora con Vandoorne, Muller e Frijns proponendo scherzosamente di gareggiare con le Safety Car, dopo aver indicato che già in condizioni di SC la macchina sbandasse.

18:29 – La regia ci riporta ai giri di formazione e ripropone il team radio di Dennis che ringrazia la squadra per l’annata vincente trascorsa insieme. Intanto la Safety Car gira in pista e la situazione sembra esser migliorata.

18:34 – Non ci sono ancora aggiornamenti dalla direzione gara, in pista ci sono le macchine incaricate a velocizzare il processo per asciugare la pista.

18:37 – Ecco che Elkins si apre in radio e conferma: alle 18:45 italiane le vetture lasceranno la corsia box alle spalle della SC e percorreranno almeno due giri.

18:41 – I piloti si calano negli abitacoli delle loro vetture. Start tra 4 minuti!

18:44 – Elkins invita i piloti a posizionarsi nell’ordine corretto in pit lane.

18:45 – Bandiera verde, inizia il quinto giro, due giri alle spalle della Safety Car!

18:47 – Inizia il sesto giro, a breve scopriremo se potrà partire la gara.

18:48 – Niente da fare, ancora bandiera rossa. Le vetture si accingono a rientrare in pit lane.

18:52 – Prepariamoci ad un’attesa di almeno altri 10/15 minuti.

18:59 – Scherzano insieme Buemi e Lotterer, protagonisti anche nel WEC, mentre fuori la pioggia non cessa di cadere.

19:02 – C’è Dennis ai microfoni del feed internazionale, tanti messaggi per lui dopo aver vinto il titolo e soprattutto un altro grande applauso per lui dal pubblico.

19:06 – Non ci sono aggiornamenti dalla direzione gara, la pioggia continua a cadere con la stessa intensità.

19:13 – Ai box c’è chi impegna il proprio tempo improvvisando una sessione di mini golf: si tratta di Hughes e del box McLaren.

19:17 – La pioggia è decisamente meno intensa.

19:20 – Ecco il warning di dieci minuti, i piloti sono richiamati a tornare nelle vetture.

19:28 – Due minuti alla partenza, i piloti sono tornati negli abitacoli delle proprie monoposto.

19:30 – Finalmente si riparte, inizia il giro 6 che insieme al successivo sarà sotto SC.

19:32 – Inizia un nuovo giro, Muller intanto perde un pezzo dal fondo della sua ABT Cupra.

19:33 – La Safety Car rientrerà in questo giro! Le vetture vanno per una partenza lanciata.

G8 – Sono partiti! Cassidy mantiene la testa della gara nonostante un gran traverso, seguono Evans e Nato. Subito in attack mode Vandoorne e Bird, anche Vergne in dodicesima posizione.

G9 – Ora in attack mode ci vanno Evans, Nato, Buemi e Muller tra quelli in Top10.

G10 – Reagisce anche Cassidy che continua in vetta, intanto Vandoorne attiva anche il secondo attack mode. Dennis ha passato Nato per la P3 ma è ora a quattro secondi da Evans, a sua volta ad un secondo da Cassidy.

G11 – A Cassidy viene detto che la sua energia a disposizione è attualmente di 0.5% superiore ad Evans. Muller nel frattempo si è portato al settimo posto davanti a Buemi. Da Evans allo svizzero sono tutti in attack mode.

G12 – Anche a Dennis viene data l’energia a disposizione, decisamente in difetto rispetto a Cassidy del 3% e ad Evans dell’1%.

G13 – Il gap tra Cassidy ed Evans è di 2.2, tra Evans e Dennis di 5.5.

G14 – Incertezza di Mortara, Ticktum si inserisce e ne approfitta per entrare in zona punti, bella mossa dell’inglese che sale in P9 visto che Wehrlein è andato in activation zone.

G15 – C’è battaglia nelle retrovie fra tre grandi veterani: Di Grassi, Da Costa e Lotterer. Ala leggermente danneggiata per Da Costa (P18).

G17 – Adesso c’è solo Cassidy dei top in attack mode, gara adesso in fase di stallo con gap insolitamente ampi nel gruppo di testa – anche Nato è a 2 secondi da Dennis con 3 di vantaggio su Vandoorne.

G18 – Giro veloce per Evans che è a 2.6 da Cassidy. Situazione in Top10: Cassidy, Evans, Dennis, Nato, Vandoorne, Bird, Buemi, Muller, Ticktum, Wehrlein.

G19 – Cassidy reagisce al giro veloce di Evans e si riprende il punto addizionale.

G20 – Vergne scende al diciannovesimo posto dopo esser stato tamponato da Di Grassi: il brasiliano l’ha così sorpassato e come lui anche Da Costa e Frijns.

G21 – Situazione attuale: Envision è a quota 303, Jaguar a 294. Le posizioni di Bird, sesto, e Buemi, settimo, sono piuttosto irrilevanti, saranno i primi due i veri aghi della bilancia.

G22 – Vergne effettua un passaggio ai box per un pit rapido e torna in pista all’ultimo posto.

G23 – Cassidy segna un altro giro veloce e oltre a mettere al sicuro la situazione della classifica a squadre migliora anche la sua: al momento ha tre punti di vantaggio su Evans per il titolo di vice-campione.

G24 – Muller toglie il giro veloce a Cassidy e si avvicina a Buemi. Non ci sono lotte in pista al momento, situazione meteo stabile.

G25 – La situazione è ancor più favorevole a Envision: Buemi ha passato Bird ed è sesto ora.

G26 – Buemi fatica però ad andarsene e perfino a tenere la sua monoposto in pista, Bird resta così nei suoi scarichi mentre Evans si è ripreso il giro veloce.

G27 – La pista va asciugandosi e Buemi si è scrollato di dosso Bird mettendosi ora all’inseguimento di Vandoorne.

G29 – Dopo una decina di giri all’attacco Muller deve ora difendersi dagli attacchi di Ticktum. I due battagliano per l’ottava posizione che vale quattro punti: a NIO ne basterebbero due per passare Mahindra.

G30 – Il gap tra Cassidy ed Evans si sta restringendo – meno di due secondi – ma mancano cinque giri al termine.

G31 – Come non detto: la direzione gara aggiunge quattro giri alla durata della corsa, ne mancano quindi 7. Attenzione dunque ai livelli di energia a disposizione di ciascun pilota.

G32 – Dennis mette d’accordo i primi due e segna il giro veloce. Il distacco da Cassidy è però troppo ampio – 13 secondi.

G34 – Wehrlein con il 24% di energia è il pilota che potrebbe sorprendere nel finale. Ne è rimasto soltanto il 14% a Nato, così come ad Evans, mentre Cassidy ha il 16%.

G35 – Buemi si avvicina a Vandoorne, intanto Cassidy e Dennis lottano per il giro veloce: al momento è ancora di Dennis.

G37 – Evans non è riuscito ad avvicinarsi a Cassidy preso dalla gestione dell’energia.

G38 – Inizia l’ultimo giro della stagione – facce rassegnate in Jaguar, pronte a festeggiare in Envision.

Bandiera a scacchi – Nick Cassidy trionfa a Londra ed è vice-campione del mondo! Evans chiude al secondo posto davanti a Dennis che segna il giro veloce. Buemi sesto e Bird settimo, Envision campione nella classifica a squadre!

ImmagineImmagine

È stata una stagione entusiasmante per la Formula E, grazie per averci seguito!


Rimani sempre aggiornato sulla Formula E entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

ELMS | Intervista esclusiva a Monza con Renè Rast, pronto per la stagione endurance europea con TDS Racing

Massimo Consonni

Formula E | Jaguar firma per l’era Gen4, nella serie almeno fino al 2030

Giada Di Somma

Formula E | Ufficiale: DS Penske conferma Vandoorne e Vergne per il 2024

Giada Di Somma

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.