Maggio 21, 2024
Paddock News 24
IndyCar

IndyCar | A Long Beach debutta la nuova versione dell’aeroscreen

Nel weekend IndyCar di Long Beach ci sarà il debutto della nuova versione dell’aeroscreen.

L’introduzione dell’aeroscreen in IndyCar, come alternativa all’Halo in F1, ha permesso di incrementare gli standard di sicurezza dei piloti. Il dispositivo ha dato in pista, in occasione di alcuni incidenti, prova della sua affidabilità.

indycar long beach aeroscreen
La nuova specifica dell’aeroscreen debutterà a Long Beach, Credit: NTT IndyCar

Per le gare sui circuiti cittadini e permanenti la IndyCar, in collaborazione con PPG, Dallara e Pankl ha deciso di introdurre una nuova versione molto più leggera e con un diverso sistema di raffreddamento della vettura. In occasione del weekend di Long Beach tutte le vetture avranno la specifica 2024 mentre sugli ovali si continuerà ad utilizzare la vecchia specifica.

L’aeroscreen più leggero che debutterà questo fine settimana è dotato di prese d’aria per un maggiore raffreddamento complessivo del pilota e di un condotto anteriore superiore che dirige l’aria verso il petto del pilota. Il condotto è stampato in 3D in gomma per prevenire lesioni alle mani in caso di incidente.


Leggi anche: IndyCar | GP of Long Beach 2024 – Anteprima e Orari TV


“Uno degli obiettivi nel realizzare una versione 2.0 era quello di risparmiare peso, ha affermato Tino Belli, direttore dello sviluppo aerodinamico della NTT IndyCar Series. “Poi abbiamo colto l’occasione per rendere lo stile più gradevole, migliorare la ventilazione del pilota e rendere il policarbonato più sottile e resistente quanto quello più spesso.”

Specifiche dell’aeroscreen 2024

Il nuovo schermo in policarbonato ha un aspetto più elegante e allo stesso tempo un peso ridotto da 18,8 libbre (circa 8,5 kg) della prima versione a 14,5 libbre (circa 6,5 kg). A ciò si aggiunge un nuovo telaio in titanio stampato in 3D e topologicamente ottimizzato. Il telaio è robusto come l’originale ma pesa 6,8 libbre in meno (circa 3 kg). Nel complesso, si tratta di una riduzione del peso totale del sistema di 11,1 libbre (circa 5 kg).

A seguito di una valutazione per cercare aree di miglioramento per rendere lo schermo più leggero, è stata individuata un’area chiave in cui aggiungere un sistema di ventilazione per il raffreddamento del pilota. È stato possibile aggiungere prese d’aria senza una riprogettazione significativa perché il feedback del pilota indicava che non era necessario modificare il campo visivo.

“Abbiamo imparato nel corso degli anni dove era il limite della visuale, ha detto Belli. “Nella prima versione siamo stati conservativi. Abbiamo dato ai piloti un campo visivo più ampio. Abbiamo scoperto che non ne avevano bisogno. Quindi, ora abbiamo utilizzato quello spazio per creare una presa d’aria che si trova sotto il telaio superiore in titanio e viene canalizzata per soffiare l’aria verso il petto del pilota”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


*Immagine di copertina, credit: James Black

 

Articoli Correlati

IndyCar | Ilott vuole Saint Petersburg: in programma un test con Arrow McLaren

Lorenzo P

IndyCar | Indianapolis GMR GP – Anteprima e Orari TV

Francesco Ghiloni

IndyCar | Indianapolis 500 / Svelata la livrea McLaren di Kanaan

Lorenzo P

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.