Luglio 24, 2024
Paddock News 24
IndyCarPN24

IndyCar | GP Monterey | Laguna Seca 2024 – Oltre le difficoltà, il successo di Alex Palou: “Quanta confusione, ma abbiamo valorizzato il nostro passo”

Al netto di una gara mai lineare, Alex Palou è emerso a Laguna Seca, anche grazie alla strategia e ha vinto a Monterey la seconda gara personale della stagione in IndyCar

La vittoria di Alex Palou nella gara dell’IndyCar a Laguna Seca è arrivata al termine di 95 giri, tanto complessi, quanto caotici. Determinanti, come al solito, le tempistiche e le scelte tattiche. L’alfiere del Chip Ganassi Racing ha trascorso in testa quarantotto tornate, ma in realtà il successo è stato tutt’altro che scontato.

Poleman, l’iberico ha cominciato la gara sulle primary nuove, allungando forse troppo lo stint iniziale, almeno considerando il ‘peso’ dell’undercut. Tuttavia, anziché passare alla morbide, Palou alla fine del giro 26 – nella prima sosta – ha confermato le dure (usate). Così, ha potuto costruire una sezione centrale imperniata sul ritmo, restando più tempo in pista prima del terzo pit stop e disponendo di più carburante le finale.

In particolare, Palou ha montato le morbide nella seconda sosta – alla fine del giro 55 – per poi ripassare alle prime rodate a conclusione della tornata numero 70. Per altro, con tre cautions tra il giro 75 e il 90, l’iberico si è dimostrato preciso e puntuale nella gestione di ogni singola ripartenza. Il primato sotto la bandiera a scacchi, dunque, ha legittimato una grande giornata, valorizzando il connubio tra il pilota e la squadra.

Il commento di Palou

Al termine della gara, Palou si è soffermato sui principali passaggi della ‘sua’ giornata a Monterey. In particolare, è voluto a più riprese tornare sui dubbi nutriti a proposito delle tempistiche.


Leggi anche: IndyCar | Pronto il calendario per il 2025, ufficiale l’accordo televisivo con Fox Sports


È stata una gara caotica“, ha sottolineato il pilota della Ganassi, secondo quanto riportato da Paddock Eye. “Non abbiamo eseguito un buon lavoro sulle partenze e sulle ripartenze, all’inizio”.

E sui pit stop: “Per la posizione in cui ci trovavamo, la strategia è stata leggermente rischiosa. Tuttavia, sapevamo di avere il passo e dovevamo solo eseguirla. Ho avuto i miei dubbi, in quel frangente. Tra l’altro, non sapevo se la mia radio funzionasse o meno. In realtà, ogni aspetto era a posto“.

IndyCar Laguna Seca Palou
L’IndyCar a Laguna Seca ha messo in scena una corsa caotica e mai scontata, dalla quale è emerso Alex Palou, per altro abile, insieme alla sua squadra, a recuperare dopo alcuni errori nel primo stint – Chris Jones/NTT IndyCar Series Website Credits

Da qui, le ‘sue’ scuse personali. “Mi dispiace di non aver avuto fiducia, di non aver creduto nella chiamata in quei dieci o venti secondi“, ha detto Palou. “Nel complesso, però, la Ganassi ha svolto un lavoro straordinario. Tutte quelle ripartenze alla fine sono state dure, ma per la nostra compagine si è trattato di un successo davvero ottimo“.


Segui il nostro canale Telegram dedicato all’IndyCar

Seguici sui social: Telegram – TikTok – Instagram – Facebook – Twitter


Copertina: Paul Hurley/Official NTT IndyCar Series Website Credits

Articoli Correlati

F1 | GP Ungheria – SINTESI delle FP3: McLaren detta legge, ma Red Bull e Mercedes in agguato

Simona Puleo

F1 | La F1 incontra il golf: rilasciato il trailer di Swing to Survive

Francesca Anna T

F1 | GP Austria, Steiner al veleno attacca la FIA: “A macchine invertite Kevin avrebbe ricevuto la penalità”

Maria Grazia De Sanctis

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.