Luglio 23, 2024
Paddock News 24
AutoAutomotive

Nuova Porsche 911 ibrida, le quattro importanti novità al debutto con il sistema T-Hybrid

Inizia una nuova era per Porsche, che con il debutto della 911 ibrida apre a grandi novità per il suo modello più importante.

Questa nuova 911 è equipaggiata con un nuovo sistema ibrido superleggero e performante, con l’iconico flat six sempre presente. Scopriamo insieme tutte le novità della Porsche 911 ibrida, un capitolo rivoluzionario della storia del brand tedesco.

Porsche 911 ibrida novità

Novità estetiche e aerodinamica migliorata

Gran parte degli aggiornamenti estetici mira a migliorare le performance aerodinamiche e le prestazioni della vettura. Le modifiche includono nuovi paraurti specifici per il modello e l’integrazione di tutte le funzioni di illuminazione nei fari a LED a Matrice. Questo ha permesso di eliminare i proiettori anteriori e di aumentare lo spazio per le prese d’aria localizzate nel paraurti anteriore. Nella 911 GTS, la parte anteriore ha cinque alette di ventilazione disposte verticalmente e sono integrate con diffusori anteriori adattivi nel sottoscocca, i quali vengono regolati insieme alle alette in base alle richieste di performance. Al posteriore è stata rivisitata la scritta “Porsche” e un arco integrato rende la sezione ancora più profonda e larga.


Leggi anche: UFFICIALE: Lancia torna nel mondo del rally con la nuova Ypsilon Rally 4 HF


Il design della griglia posteriore è stato ridisegnato con cinque alette per lato, collegandosi al lunotto e creando una grafica unitaria che si sfuma nello spoiler retrattile sottostante. La targa è stata posizionata più in alto e il paraurti posteriore presenta una struttura ben definita. I terminali di scarico sono integrati nelle vistose alette del diffusore. Su richiesta, per i modelli 911 Carrera è disponibile un impianto di scarico sportivo, mentre i modelli 911 Carrera GTS montano di serie un impianto di scarico sportivo specifico per la GTS. L’aerodinamica della nuova 911 è stata ulteriormente migliorata e sarà disponibile un kit aero opzionale che comprende un paraurti anteriore esclusivo Sport Design. Inoltre, saranno disponibili nuovi listelli sottoporta e un nuovo alettone posteriore fisso e più leggero.

Porsche 911 ibrida novità

911 Ibrida, la rivoluzione del motore è servita

Porsche 911 ibrida novità

Forte dell’esperienza maturata in pista, Porsche ha deciso di introdurre un nuovo concept di power unit sulla 911. Il potente sistema T-Hybrid leggero è dotato di un turbocompressore elettrico per i gas di scarico di nuova concezione. Grazie al motore elettrico integrato, il turbocompressore raggiunge rapidamente il regime ottimale per garantire una pressione di sovralimentazione immediata. Il motore elettrico funge anche da generatore, fornendo fino a 11 kW (15 CV) di energia elettrica estratta dal flusso di gas di scarico. Questo design elimina la necessità di una valvola Wastegate e consente l’utilizzo di un solo turbocompressore anziché due, garantendo una maggiore reattività e dinamicità nella erogazione di potenza.


Leggi anche: Lancia Ypsilon, gamma al completo: prezzi e allestimenti della nuova segmento B


Nel sistema ibrido è presente anche un motore asincrono a magneti permanenti integrato nel nuovo PDK a otto rapporti. Anche a regime minimo, assiste il flat-six con una coppia supplementare fino a 150 Nm e 40 kW. Entrambi i motori elettrici sono alimentati da una batteria ad alto voltaggio ultraleggera e compatta, paragonabile ad una tradizionale batteria da 12 Volt che può immagazzinare fino a 1,9 kWh lavorando a 400 Volt. Inoltre, grazie a questo sistema il sistema di climatizzazione è stato svincolato dal motore, con ovvi vantaggi nelle prestazioni.

Porsche 911 ibrida novità

A cambiare radicalmente è anche il motore termico, il cuore di tutte le 911. Nella nuova versione è installato un 3.6 litri di nuova concezione. Con la separazione dal compressore dell’impianto di climatizzazione, si è liberato spazio sopra il motore per ospitare elettronica di potenza e convertitore CC-CC. Il motore ha un alesaggio maggiorato di 97 mm e una corsa più lunga di 81 mm, che aumenta la cilindrata di 0,6 litri rispetto al modello precedente. È dotato di regolazione dell’albero a camme con tecnologia VarioCam e di un sistema di controllo delle valvole tramite bilancieri, che permette di mantenere il rapporto ideale tra carburante e aria in tutto il range di funzionamento (lambda = 1).

Crediti immagini: Porsche


Rimani sempre aggiornato sul mondo Automotive e Mobilità entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

Ford Raptor F-150 R | Nel 2024 arriva una versione dalla cavalleria esagerata

Francesco Zazzera

Land Rover Defender 2024: potenza, lusso, avventura

Lucrezia Milanese

Ferrari Challenge – La CDP è pronta a scendere in pista al Mugello con le nuovissime 296 Challenge

Francesco Zazzera

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.