Maggio 26, 2024
Paddock News 24
Automotive

Automotive | Il punto sull’Europa: Il 2035, gli e-fuels e i biocarbuanti

Dopo il dietrofront da parte di Bruxelles nei confronti dello stop definitivo al motore endotermico, l’Europa apre la possibilità anche agli e-fuels.

C’è sempre più incertezza nei confronti dei motori endotermici in Europa, anche se qualcosa si sta muovendo nei confronti della loro tutela, tant’è che si scorge una nuova opzione, ovvero gli e-fuels. In futuro dunque potrebbero esserci opzioni più tradizionali oltre l’elettrico.

Vista di bielle, pistoni e albero motore

 

La differenza tra gli e-fuels e i biocarburanti

L’Obiettivo è uno solo ed è chiaro, quello di rendere la mobilità più green, ciò che è meno chiaro è come arrivarci. Dopo il voto per lo stop delle endotermiche , che si doveva tenere il 7 di marzo, l’Europa prende in considerazione anche gli e-fuels, ma non i biocarburanti. La differenza sostanziale tra i due risiede nel fatto che gli e-fuels vengono ottenuti dalla combinazione tra idrogeno e anidride carbonica, mentre i biocarburanti vengono prodotti da scarti di massa organica prodotti da piante e animali. Un esempio di biocarburanti sono i biodiesel e i bioetanolo. Mentre per ottenere l’ idrogeno per gli e-fuels è necessaria una quantità di energia non indifferente, che serve per l’idrolisi dell’acqua. Per rendere il tutto sostenibile bisogna far si che questa energia sia prodotta da fonti rinnovabili.

E-fuels
L’obiettivo rimane quello di ridurre le emissioni nocive nell’ambiente

Leggi anche: Automotive | BMW porta al Nurburgring la nuova M5 per il collaudo [Video Spia]


Europa: sempre più dubbi sull’elettrico

L’alimentazione a corrente stenta a crescere nel nostro paese, tant’è che l’Italia ha registrato un -26,6% di immatricolazioni nel 2022, rispetto al 2021. Nel resto d’Europa invece si è registrato uno scenario diverso, +40,1% in Gran Bretagna, + 32,3% in Germania, + 28,9% in Spagna e + 25,3% in Francia. Tuttavia cresce sempre di più lo scetticismo sull’elettrico, una causa su tutte è la concorrenza della Cina che più volte ha proposto prezzi concorrenziali per auto elettriche e ibride plug-in. In Europa invece, complici la sempre più la dilagante inflazione e la crisi dei chip, è sempre più difficile immettere nel mercato prodotti alla portata di tutti. Molte case automobilistiche infatti stanno riposizionando il proprio brand, alzando l’asticella e investendo sempre più sul lusso, Mercedes in primis, altre invece stanno proponendo la soppressione di modelli storici, come può essere la Fiesta per la Ford.

Ford Fiesta: un modello storico che potrebbe presto abbandonarci

 

L’opzione idrogeno

L’idrogeno da molti è sempre stato visto come la soluzione definitiva. Basti vedere Toyota, il brand che più di tutti ha creduto nella motorizzazione ibrida, ora si sta affacciando con progetti interessanti all’idrogeno. Infatti il marchio nipponico propone già in vendita nel nostro paese la Mirai, una vettura ad idrogeno che sfrutta la tecnologia delle celle a combustibile che immettono nell’ambiente come scarto acqua. La strada è ancora lunga per avvicinarci a questo tipo di alimentazione, dato che le stazioni di rifornimento sono molto rare e i prezzi di acquisto delle pochissime proposte del mercato sono elevati.

E-fuels
Le componenti del motore ad idrogeno della Toyota Mirai

Rimani sempre aggiornato sul mondo Automotive e Mobilità entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Lascia un commento sotto questo articolo per interagire con gli altri appassionati e diventare il lettore più attivo. Presto novità!


Articoli Correlati

BMW X2 | Tutto nuovo il SUV coupé bavarese, ora anche in versione elettrica – FOTO

Francesco Zazzera

Opel Corsa | Ecco i prezzi della citycar nella versione aggiornata 2024

Francesco Zazzera

Ferrari Challenge Europa | Alle Finali Mondiali si assegnano altri due titoli

Francesco Zazzera

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.