Maggio 21, 2024
Paddock News 24
MotoMotoGP

MotoGP | GP Stati Uniti – Il vincitore Alex Rins: “Quando ho visto di essere primo ero incredulo”

Alex Rins conquista il GP degli Stati Uniti e riporta alla vittoria in MotoGP la Honda dopo ventiquattro gare di astinenza. Lo spagnolo si è detto soddisfatto ed orgoglioso del lavoro fatto con il Team.

Il volto protagonista del GP degli Stati Uniti è quello di Alex Rins: il pilota spagnolo conquista la sua sesta vittoria in MotoGP, la prima in sella alla Honda, con una gara intelligente e di grande gestione.

Per Rins si tratta della seconda vittoria ad Austin in MotoGP, dopo quella conquistata in sella alla Suzuki nel 2019. In totale, per lo spagnolo, quella odierna è la quarta vittoria sulla pista texana viste le affermazioni in Moto2, nel 2016 e in Moto3, nel 2013.

Credit: MotoGP.com

Una gara molto intelligente quella corsa dal pilota del Team di Lucio Cecchinello. Partito dalla seconda casella, ha fin da subito sfruttato la scia di Francesco Bagnaia per farsi trainare, come da lui ammesso, lontano dal gruppo degli inseguitori.

La caduta del pilota della Ducati ha però complicato la gara di Rins. Lo spagnolo si è trovato a gestire un gap di due secondi e mezzo sulla coppia Quartararo-Marini senza però avere un punto di riferimento davanti a lui.

La gestione del vantaggio è stata però magistrale. Il distacco da Marini non è mai sceso sotto ai due secondi e lo spagnolo ha potuto godersi un ultimo giro quasi in passerella.

Con questa vittoria Rins consegna il centesimo podio della storia al Team LCR e diventa il primo pilota della Honda, non considerando Marc Marquez, a vincere un GP a cinque anni di distanza da Cal Crutchlow nel GP dell’Argentina del 2018.


LEGGI ANCHE: MotoGP | GP Stati Uniti – Il disappunto di Francesco Bagnaia: “Sono due weekend che cado senza capire il motivo


“È stata una gara veramente difficile – ammette Alex Rins nel parco chiuso – dove ho faticato tanto alle spalle di Bagnaia. Ho cercato di stargli vicino, ho spinto e ho rischiato veramente tanto nella zona delle chicane perché venivo staccato nel T2 e nel T3. In uscita dalle curve lente perdevo molto perché non riusciamo a sfruttare tutta la potenza e la Ducati andava via in accelerazione. La Honda soffre molto con il sistema dell’anti-wheelie: la gomma davanti si impenna e ci mette tanto a scendere. Dopo la caduta di Bagnaia dovevo rimanere concentrato ma quando ho visto di essere primo sono rimasto incredulo. Ho subito fatto un paio di errori ma poi ho ritrovato il ritmo ed è arrivata questa vittoria.”

“La moto su questa pista non va male – prosegue lo spagnolo – ed io mi sono sentito di spingere e di mettere qualcosa di più sulla guida. Per me è incredibile aver vinto qui in Moto3, in Moto2, con la Suzuki e con la Honda. Sono contento di aver regalato il centesimo podio alla squadra: mi hanno accolto a braccia aperte e mi sento come se fossi in famiglia. È grazie a Lucio (Cecchinello, ndr) se ho la possibilità di stare qua.”

“Abbiamo creato una buona base – conclude Rins – e sono contento ed orgoglioso che ci stiano lavorando anche gli altri piloti della Honda.”

Vedremo ora se già a partire dal prossimo GP di Jerez, in programma nel fine settimana del 28-30 aprile, Rins confermerà i progressi visti in sella alla sua Honda o se, lontano da una pista amica, tornerà a lottare a centro gruppo.


Rimani sempre aggiornato sulla MotoGP e sui motori entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

Supersport | GP Gran Bretagna – Sintesi Gara 2: Bulega firma la doppietta a Donington

Riccardo Orsini

Torna il giallo Ducati: livrea speciale in pista a Misano con Superbike e MotoGP

Riccardo Orsini

MotoGP | GP Germania – Orari TV Sky e TV8 della gara del Sachsenring

Elia Aliberti

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.