Luglio 18, 2024
Paddock News 24
AragonGPMotoSuperbike

Superbike | GP Aragon – Gara2: Bautista domina e mette un altro mattoncino nel percorso verso la vittoria finale

Bautista vince dominando Gara2 in terra d’Aragona. Lo spagnolo batte Razgatlioglu e Rinaldi. Ottima gara per Locatelli, sfortunata vittima di una rottura nelle fasi finali.

Credit: Twitter

Con Gara2 arriva ai titoli di coda il weekend di Aragon per la Superbike. Bautista, dopo la Superpole Race, ha ripreso ad allungare in classifica. Prima di Gara2 lo spagnolo comandava con 479 punti, contro i 437 di Razgatlioglu. Rea continua a tenere in cassaforte il terzo posto grazie ai 315 punti, di cui 40 di vantaggio su Locatelli.

In questo weekend di Aragon sono presenti due novità in pista: Gabriele Ruiu è tornato in pista con la BMW del team Bmax Racing e Florian Marino sostituisce il degente Lowes che, dopo l’infortunio subito in Superpole Race a Magny-Cours, è in ripresa dopo l’intervento al ginocchio.

Jonathan Rea ha iniziato il weekend con il piglio giusto il weekend segnando il miglior tempo in 1.50.309, girando più velocemente di una coppia inattesa, composta da Lecuona e Petrucci. Partenza con le polveri bagnate per Razgatlioglu (settimo a sette decimi) e Bautista (ottavo a oltre un secondo).

Il riscatto di Bautista si verifica nelle FP2 dove lo spagnolo ha segnato il miglior crono in 1.49.649. Due Ducati anche nelle figure dei diretti inseguitori; con Rinaldi e Petrucci a meno di due decimi del compagno di team/marchio. Rea si è fermato al quarto tempo con 3 decimi di passivo.  Razgatlioglu è stato capace ancora di segnare solo il settimo tempo con un secondo e uno di ritardo dal tempo fatto segnare dallo spagnolo.

La Superpole ha riportato la classica composizione delle prime tre posizioni: Jonathan Rea ha conquistato la Pole Position in 1.47.973, precedendo Bautista e Razgatlioglu.  Seconda fila conquistata da Locatelli, Rinaldi e Lecuona. Si sono classificati per la terza fila Bassani, Oettl e Gardner; mentre dalla quarta fila sono partiti Gerloff, Baz e Vierge

Gara1, dopo aver assistito a una caduta di Bautista avvenuta mentre comandava con margine su Rea e Razgatlioglu, Rinaldi ha messo in scena una formidabile rimonta sui primi due che lo porta a trionfare al termine di un duello con Rea.

La Superpole Race è stata a lungo comandata da Jonathan Rea. Bautista, terzo fino all’ultimo giro, ha effettuato un rapido blitz che, nell’ultimo giro, lo ha portato a superare Razgatlioglu alla sei e Rea all’ultima parabolica. In questo modo, Bautista è tornato alla vittoria.

Sintesi Gara2 GP Aragon Superbike


La partenza premia lo scatto di Bautista e Rea. Bautista allunga e passa primo alla uno. Partenza non perfetta di Razgatlioglu che, alla uno, viene passato da Locatelli. Alla quattro Rea si mette davanti a Bautista che, alla sei, viene passato, seppur con un brivido a causa di uno squilibramento della moto, anche da Locatelli.

Giro 2 – Alla uno Locatelli prende l’interno di Rea che tira la staccata, va largo e si fa passare anche da Bautista che, alla quattro, infila anche il bergamasco di Yamaha. Razgatlioglu prende la scia di Rea sul controrettilineo e, in staccata, passa il nordirlandese.

Giro 3 – Sul traguardo la classifica era la seguente: Bautista, Locatelli, Toprak, Rea, Rinaldi, Bassani, Vierge, Lecuona, Van der Mark, Oettl, Baz, Gardner, Redding, Petrucci, Gerloff, Aegerter, Baldassarri, Marino, Ray, Rabat. Sul controrettilineo Rea prova a replicarsi facendo il sorpasso su un Locatelli la cui staccata appare inarrivabile.

Giro 4 – Alla uno Razgatlioglu ci prova di nuovo su Locatelli ma, anche questa volta, deve desistere. Bautista, invece, allunga a un secondo sul diretto inseguitore. Locatelli entra male sul controrettilineo dove la sua moto impenna. Nonostante ciò, il turco non riesce ancora a superare il compagno di squadra.

Giro 6 – Si alza a due secondi e sei il vantaggio di Bautista su Locatelli, Razgatlioglu, Rea e Rinaldi. Ilpilota Ducati, a sua volta, aveva un secondo e sei sulla coppia Bassani-Vierge.

Giro 7 – Bautista aumenta di un ulteriore secondo il suo vantaggio.

Giro 8 – Alla uno la Panigale V4 di Petrucci inizia a fumare dallo scarico e il pilota è costretto al ritiro. In uscita dalla dieci Rinaldi si francobolla a Rea e inizia una marcatura, che dopo la quindici, lo porta ad affiancare e superare Rea.

Giro 10 – Rinaldi si porta a un secondo da Razgatlioglu che si mantiene in leggera marcatura su Locatelli.

Giro 12- Jonathan Rea, dopo aver subito il passaggio di Rinaldi, ha completamente perso il contatto con i primi. Rinaldi, invece, si porta ad appena sei decimi da Razgatlioglu.

Giro 14 – Razgatlioglu si porta negli scarichi di Locatelli. Toprak esce bene dalla dodici, ma non dalla quindici e non riesce ancora ad affondare sul bergamasco. Rinaldi, invece, si ferma a tre decimi di ritardo.

Giro 15 – Alla sette Razgatlioglu rompe rompe gli indugi su Locatelli e, alla curva successiva, rompe il motore senza accorgesene e prosegue a lungo. Rinaldi, vedendo le perdite d’olio provenienti dalla Yamaha numero 55, rallenta e arriva a perdere nuovamente un secondo e due da Toprak.

Ultimo giro – Bautista inizia l’ultima tornata con quattro secondi e mezzo su Razgatlioglu. Rinaldi non ha ricucito nuovamente sul turco accontentandosi del podio.

Alvaro Bautista vince ancora in solitaria la Gara2 del GP di Aragon Superbike. Lo spagnolo trionfa su Toprak e Rinaldi, allungando di altri 5 punti sul turco di Yamaha. Rea chiude mestamente in quarta posizione e sulle tele delle sue coperture Pirelli. Dietro al nordirlandese di Kawasaki si sono classificatI Bassani, Lecuona, Oettl, Vierge, Gardner, Gerloff, Van der Mark, Aegerter, Baz, Redding e Marino.

Gara2 Aragon Superbike
worldsbk.com

La Superbike tornerà in pista settimana prossima per il GP di Portogallo.

 


Rimani sempre aggiornato sulla MotoGP e sui motori entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

MotoGP | Alex Marquez sul fratello Marc: “L’unione fa la forza”

Maria Rosaria D.

Moto2 | GP Francia – Sintesi Gara: Arbolino domina a Le Mans! Out Acosta

Riccardo Orsini

MotoGP | Piovono elogi su Acosta, i paragoni con Marquez e Rossi

Luigi Belfiore

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.