Luglio 14, 2024
Paddock News 24
MotoSuperbike

Superbike | Nessuna conseguenza grave per Jonathan Rea dopo la caduta in Gara 2 a Phillip Island

Il sei volte campione del Mondo Superbike, Jonathan Rea, era rimasto vittima di una caduta nel corso di Gara 2 del Round d’Australia, a Phillip Island. Una caduta che aveva causato l’esposizione della bandiera rossa ma che non ha lasciato conseguenze gravi sul fisico del pilota dell’Irlanda del Nord.

Non è sicuramente iniziata nel migliore dei modi la stagione 2024 del Mondiale Superbike per Jonathan Rea, rimasto a secco di punti nella trasferta australiana di Phillip Island.

Il sei volte campione del Mondo Superbike aveva sicuramente immaginato e programmato un inizio diverso per la sua avventura con il team ufficiale Yamaha. I programmi del “Cannibale” sono però già cambiati dal martedì antecedente alla gara con una grossa caduta alla Curva 11 che ne aveva limitato l’azione in pista nella sessione di test e che aveva lasciato segni sul fisico del pilota dell’Irlanda del Nord.

Jonathan Rea caduta Phillip Island 2024
Credit: super7moto.com

Le cose non sono poi migliorate nel fine settimana di gara: Rea è apparso in difficoltà fin dalle prove libere chiuse al quindicesimo posto della classifica combinata. Una posizione sostanzialmente confermata anche nella Superpole dove il classe 1987 ha raccolto solamente la undicesima piazza.

In Gara 1 l’alfiere del Pata Prometeon Yamaha WorldSBK Team, complice anche il tanto tempo perso nel pit stop, non era andato oltre la diciassettesima posizione alle spalle anche di un Alvaro Bautista caduto nella prima parte di gara.

Nella giornata di domenica le cose erano però sembrate migliorare: nella Superpole Race Rea ha infatti sfiorato la zona punti perdendo la volata per la nona posizione a vantaggio di Micheal Ruben Rinaldi. In Gara 2, invece, il nordirlandese era riuscito a tenere il ritmo dei migliori insediandosi a ridosso della top cinque. Una zona di classifica tenuta fino al quarto giro quando l’alfiere della Yamaha è rimasto vittima di un highside nella percorrenza della veloce Curva 11.


LEGGI ANCHE: La classifica di Superbike e Supersport dopo il Round di Australia [Round 1/12]


Rea, dopo la caduta, è rimasto per alcuni minuti a terra nella via di fuga, costringendo la Direzione Gara a sospendere la corsa. Il nativo di Ballymena è stato così portato fuori dalla pista in barella per essere poi visitato al centro medico del circuito.

Gli esami a cui si è sottoposto il nordirlandese hanno fortunatamente avuto esito positivo visto che le uniche conseguenze sono stati degli ematomi nella zona del bacino. Un bollettino che si aggiunge al vistoso taglio sul ginocchio destro rimediato in seguito alla caduta nella giornata di test.

Le conseguenze della caduta di Phillip Island non inficeranno, quindi. sul proseguo della stagione di Jonathan Rea che, non appena passati i dolori, inizierà a lavorare a testa bassa per arrivare in forma e competitivo al secondo Round della stagione 2024 del Mondiale Superbike. Un Round che si svolgerà nel fine settimana del 22-24 marzo a Barcellona.

 


Rimani sempre aggiornato sulla MotoGP e sui motori entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


 

Articoli Correlati

MotoGP | Sprint GP Germania – Martin: “Stavo per cadere”

Samuele Buccoliero

Supersport | GP Gran Bretagna – Sintesi Gara 2: Bulega firma la doppietta a Donington

Riccardo Orsini

MotoGP | GP Olanda – Classifica piloti, team e costruttori dopo il round ad Assen

Samuele Buccoliero

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.