Maggio 22, 2024
Paddock News 24
MotoSuperbike

Superbike | Test Misano – Bautista sembra ingiocabile, passi in avanti per BMW

I test della Superbike che si sono svolti a Misano hanno confermato il leitmotiv della stagione: Bautista sembra ingiocabile per tutti mentre Honda e BMW continuano ad aggiornare le loro moto.

La due giorni di Test svolta dalla Superbike sul circuito di Misano (11-12 maggio) confermano il dominio, in questa stagione, di Alvaro Bautista e della Ducati. Il Campione del Mondo in carica, nella prima delle due giornate di test, ha firmato il record della pista (1’33.035) e si è poi concentrato sul passo gara. I tempi fatti dallo spagnolo sono stati impressionanti e addirittura migliori rispetto a quelli registrati nelle gare dello scorso anno.

Credit: WorldSBK.com

L’unico a tenere il ritmo gara di Bautista è stato Toprak Razgatlioglu. Il pilota turco della Yamaha è stato l’unico a registrare dei tempi sull’1’33 nella simulazione di gara. Un passo che potrebbe far prevedere una lotta per la vittoria delle gare nel GP dell’Emilia-Romagna che si correrà nel weekend del 2-4 giugno.

Poche indicazioni sono invece arrivate dalla seconda giornata di prove quando a farla da protagonista è stata la pioggia.

 DUCATI

Detto dell’eccellente lavoro di Alvaro Bautista, per il Team Aruba.it Ducati è stato un test positivo anche con Micheal Ruben Rinaidi. L’italiano, che è stato il pilota a completare più giri nel corso del Test, ha mostrato una velocità sul giro secco simile a quella di Bautista ed ha poi lavorato in ottica gara, testando diversi setup e provando alcuni long-run.

Sul lavoro in ottica gara si è concentrato anche Axel Bassani. Il pilota del Team Motocorsa ha effettuato diverse prove per testare il consumo delle gomme, fattore che ha condizionato le sue gare a Barcellona.

Tano lavoro anche per Phillip Oettl. Il pilota tedesco dopo delle belle prestazioni tra Australia ed Indonesia si è un po’ perso e per questo ha lavorato molto con la sua squadra per aumentare il feeling con la sua Panigale V4R. L’alfiere del Team GOEleven ha cercato poi delle soluzioni che potessero aumentare il grip al posteriore.

YAMAHA

L’ottimo passa gara mostrato non è l’unico fattore positivo del Test di Misano per Toprak Razgatlioglu. Il turco ha infatti testato dei nuovi forcelloni che dovrebbero essere usati già nel prossimo GP. Giornate importanti anche per Andrea Locatelli: l’italiano ha effettuato dei cambiamenti al setup base della sua Yamaha per risolvere dei problemi di vibrazione all’anteriore che lo avevano rallentato a Barcellona.

Giornate molto positive per Lorenzo Baldassarri. Il pilota maceratese, nel secondo giorno, è riuscito a girare a solo mezzo secondo dal tempo di Razgatlioglu. Il rookie ha lavorato con la sua squadra sulla geometria della moto ed è riuscito anche a fare un passo in avanti sulla frenata e quindi sulla velocità di percorrenza ed uscita curva.

Presenti in pista anche Remy Gardner e Dominique Aegerter. i piloti del Team GRT sono sempre stati in fondo alla classifica dei tempi con un lavoro volto soprattutto a cercare un buon feeling con le moto e non la prestazione.


LEGGI ANCHE: La classifica di Superbike, Supersport e Supersport 300 dopo il GP di Catalunya


HONDA

Per Honda quello di Misano è stato un test a due facce: tanta soddisfazione dal lato box di Xavi Vierge mentre non è stato per nulla contento delle giornate Iker Lecuona. Il pilota catalano ha molto apprezzato i nuovi forcelloni portati dalla casa giapponese. I nuovi pezzi lo hanno aiutato a trovare un nuovo setup base che lo mette più a suo agio in sella alla CBR1000RR-R. Non è stato dello stesso avviso invece Lecuona che dopo aver provato i nuovi componenti non ha visto migliorare i propri tempi sul giro.

Esordio nella Superbike per Tarran Mackenzie che ha svolto i test di Misano in sella alla Honda del Team Petronas MIE. La squadra dallo sponsor malese ha infatti entrambi i piloti titolari infortunati.

 

BMW

La squadra che ha svolto il lavoro maggiore nel Test di Misano è stata la BMW. Il costruttore tedesco ha portato in pista due nuovi forcelloni ed un nuovo telaio che sono stati provati da Scott Redding. Lavoro di adattamento alla moto invece per Tom Sykes. L’inglese, che è tornato in BMW per sostituire l’infortunato Micheal van der Mark dopo essersi separato dal Team Puccetti, è sceso in pista con la versione 2021 della M 1000 RR comparandola poi alla versione 2023.

Il miglior pilota della casa teutonica nella due giorni di Misano è stato però Garrett Gerloff. Lo statunitense non ha stravolto il setup della sua BMW apportando solamente dei piccoli cambiamenti in alcune zone della moto. Tanti giri effettuati per Loris Baz. Per il francese, ancora sulla via del pieno recupero dall’infortunio alla gamba destra, è importante fare tanti chilometri per riprendere il feeling con la sua moto.

 

KAWASAKI

La casa giapponese era presente in pista a Misano con il collaudatore Florian Marino e con l’alfiere del Team Puccetti Lucas Mahias. Marino ha effettuato 73 giri, scendendo in pista solamente con le condizioni di asciutto. Il pilota del Team Puccetti si è invece concentrato sul riprendere il feeling con la moto.

Hanno saltato il test di Misano Jonathan Rea e Alex Lowes che hanno preferito rimanere a casa viste le previsioni meteo e le basse temperature presenti in Romagna in quei giorni. I due alfieri del Kawasaki Racing Team sono però scesi in pista a Jerez dove hanno trovato un caldo estivo. In queste condizioni i piloti hanno lavorato sul consumo delle gomme e su delle simulazioni di passo gara.

 

I TEMPI DELLA PRIMA GIORNATA DI TEST A MISANO

Superbike Test Misano
Credit: Dani Guazzetti

 

I TEST DELLA PRIMA GIORNATA DI TEST A MISANO

Superbike test Misano
Credit: GPOne.com

 


Rimani sempre aggiornato sulla MotoGP e sui motori entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


 

Articoli Correlati

Superbike | Andrea Iannone, ecco come sono andati i test a Portimao: bene il passo ma…

Maria Rosaria D.

Superbike | Intervista ESCLUSIVA a Lorenzo Baldassarri: “Punto la top dieci e sogno la Yamaha ufficiale! Lavorando serenamente so di poterci arrivare”

Riccardo Orsini

Superbike | Tutte le novità per il GP della Repubblica Ceca a Most

Riccardo Orsini

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.