Maggio 22, 2024
Paddock News 24
F1

F1 | GP Australia 2023 – Tabella Power Unit: Leclerc e Perez poca affidabilità elettrica

In vista del GP dell’Australia vediamo la tabella relativa alle componentistiche della Power Unit di ogni pilota di F1. Come si presentano le squadre al terzo GP stagionale?

La Formula Uno vola a Melbourne per il terzo round della stagione 2023.  Le squadre si preparano al GP dell’Australia dopo l’ultima tappa a Jeddah. Il circuito Arabo, con i suoi lunghi tratti a gas completamente aperto, ha portato le vetture a chiedere il massimo dei propri pacchetti propulsivi. Il Cittadino Australiano è molto meno esigente dal punto di vista motoristico, seppur non manchino i rettilinei. Il tratto dove il motore viene sfruttato maggiormente è quello che va da curva 6 a curva 11. Nonostante siano passate soltanto due gare, diverse squadre hanno già effettuato dei cambi alle componenti dei loro propulsori. Prima di analizzare la tabella relativa al GP dell’Australia, vediamo come sono composte le Power Unit di una F1.

Quattro componenti per la parte termica: 

ICE: – Motore a combustione interna (Internal Combustion Engine)

TC: Turbo Compressore (Turbo Charger)

MGU – H: Motogeneratore elettrico – Heat (Motor Generation Unit – Heat)

MGU – K: Motogeneratore elettrico – Cinetico (Motor Generation Unit – Kinetic)

Due componenti per la parte elettrica:

ES: Pacco batterie (Energy Store)

CE: Elettronica di controllo (Control Electronic)

GP Australia F1 Power Unit componenti Ferrari Charles Leclerc Sergio Perez Carlos Sainz Max Verstappen Red Bull
Tabella Power Unit – Credits: Paddock News 24

Il numero limitato di sostituzioni possibili porta i team ad essere giù di motore, soprattutto nelle prove libere, per risparmiare in affidabilità. Le componenti termiche massime a disposizione dei team sono 3, mentre quelle elettroniche 2. La prima volta che ogni pilota sfora con le unità a disposizione riceve 10 posizioni di penalità. Se invece nell’arco della stagione dovesse montare la quinta unità termica, la quarta unità elettrica (e successive), verrà punito con 5 posizioni in griglia di partenza.


Leggi anche: F1 | Vasseur sulla PU Ferrari: “State tranquilli, il motore di Leclerc è salvo, sarà utilizzato nei prossimi GP”


La tabella illustra come quasi tutte le squadre abbiano concluso i primi due round con un unico componente per ogni elemento. L’Australia per molti team potrebbe essere il primo circuito utile per effettuare delle rotazioni. Quella di Mercedes sembra essere finora la PU più solida, con l’unico segnale d’allarme che arriva da Norris. Il britannico ha sostituito interamente, nella sua poco brillante MCL60, la parte endotermica. Si è mostrata affidabile in questa prima parte di stagione anche Renault, che motorizza Alpine. C’è da dire però, che le sole due vetture in pista motorizzate dalla casa francese rendono il dato poco attendibile. Ferrari e Red Bull si trovano alle prese con i primi problemi di affidabilità. Leclerc ha già scontato 10 posizioni di penalità per aver montato il terzo pacco batterie. Perez, a sua volta, si ritrova al limite con le sostituzioni di componenti elettroniche. In casa AlphaTauri De Vries ha montato a Jeddah la seconda unità termica.

Oltre a quanto inserito in tabella. si ricorda che Perez e Verstappen hanno sostituito il cambio, portandosi alla seconda di quattro unità disponibili nell’arco di una stagione.

 


Rimani sempre aggiornato sulla MotoGP e sui motori entrando nel canale Telegram specifico.

Seguici sui social: Telegram – TikTok – Instagram – Facebook – Twitter


 

Articoli Correlati

F1 | Ecclestone che bordata alla Ferrari! “Mick Schumacher? Sarebbe stato meglio in Red Bull ecco perchè…”

F1 | GP Azerbaijan – Risultati prove libere 1: Verstappen primo ma la Ferrari è viva a Baku [ Cronaca LIVE FP1 ]

Marco Cesaroni

F1 | GP Imola – Analisi Telemetrie e Passi Gara FP2: difficoltà Red Bull , Ferrari davvero favorita?

Filippo Pesavento

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.