Luglio 12, 2024
Paddock News 24
F1MonacoGPPN24

F1 | GP Monaco – Gara monotona per Verstappen: “Dovevo portarmi un cuscino”

Verstappen non è certo rimasto impressionato da questa gara di Monaco considerando che olandese ha concluso in un’anonima sesta posizione.

Se da un lato la Ferrari festeggia il trionfo a Monaco, dall’altro la Red Bull conclude uno dei suoi peggiori weekend degli ultimi tempi. Tra gli ultimi in qualifica, Perez ha a mala pena iniziato la gara, prima di essere “fatto fuori” da Magnussen. Da parte sua Verstappen questa volta non riesce a ribaltare un fine settimana già al venerdì difficile per il team e alla fine conclude in sesta posizione.

Verstappen Monaco
Max Verstappen e Nico Hulkenberg insieme prima della Drivers’ Parade (crediti: @redbullracing)

Già dalle Prove Libere l’olandese sembrava non essere pienamente a suo agio con la sua monoposto. Il problema principale sta nel fatto che la RB20 è una macchina molto rigida che quindi fatica su piste con dislivelli e con cordoli alti come quelli di Imola e di Monaco.

Ma, se in Italia il team austriaco e Verstappen sono riusciti a sistemarsi per la gara, nel Principato nulla ha potuto evitare le difficoltà del team. Nessuna magia in qualifica per Verstappen che si è dovuto accontentare di una sesta posizione “fatale” in un circuito dove è quasi impossibile sorpassare.

In gara, infatti, Verstappen, anche dopo la bandiera rossa che ha visto l’uscita di scena del suo compagno di squadra, si è dovuto accodare a Russell. Nemmeno il successivo cambio di mescole, dalle medium alle hard, è stato sufficiente e alla fine il campione del mondo ha finito da dove ha iniziato.

Una gara, tolta la grande gioia per la vittoria in casa di Leclerc, complessivamente monotona e pressoché priva di azione, se non per il caos del primo giro. Lo stesso Verstappen lo ha sottolineato aprendosi in radio col suo ingegnere di pista: “Che noia, dovevo portarmi un cuscino!”.


Leggi anche: F1 | GP Monaco – Toto Wolff: “Con Hamilton un errore di comunicazione


Le parole post gara di Verstappen

Anche nelle interviste post gara con Sky UK l’olandese ha ribadito questo sua versione dei fatti: “Si mi sono annoiato. Abbiamo finito dove abbiamo iniziato e poi la strategia è stata rovinata dalla bandiera rossa, quindi abbiamo dovuto montare le gialle. Sapevamo che fare 77 giri con quelle gomme sarebbe stato molto difficile. Dalla seconda ripartenza guidavo a quattro secondi dal passo reale, senza faticare davvero, quindi sì, è stato noioso”.

Verstappen ha poi parlato della successiva gara in Canada che dovrebbe risollevare le sorti della Red Bull. Queste le sue parole: “In Canada andremo meglio, non sarà comunque uno dei nostri weekend più facili a causa dei cordoli, la nostra macchina non si adatta bene a loro. Però hanno riasfaltato la pista, perciò ci potrebbero essere delle sorprese col grip e cose così”.

“Questo è stato un weekend molto difficile per noi anche con i danni alla macchina di Checo. Nel complesso un weekend da dimenticare, l’unica cosa positiva è che abbiamo capito quali sono le nostre più grandi debolezze e lavoreremo su quelle. Se riusciamo a migliorare la situazione possiamo guadagnare un sacco di tempo sul giro”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Crediti immagine di copertina: @redbullracing

Articoli Correlati

F1 | Caso Horner: confermate le accuse a sfondo sessuale, ora sono guai

Alessia Malacalza

F1 | GP Imola 2023: Pirelli porta le nuove gomme Wet

Maria Enrica P.

F1 | Ferrari crolla, Verstappen domina: ecco i Risultati del GP del Messico

Antonio Spina

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.