Luglio 15, 2024
Paddock News 24
F1MonacoGPPN24

F1 | GP Monaco – Post gara Pirelli: “La bandiera rossa ha azzerato le strategie”

Nel post GP di Monaco la Pirelli ha fatto le sue considerazioni riportando le scelte dei team in termini strategici.

Quello di Monaco è stato un GP insolito per quanto riguarda le strategie: ecco i dati del post gara Pirelli. Alla partenza 9 piloti hanno optato per la gomma gialla, e i restanti 11 per quella bianca. Come aveva preannunciato la Pirelli, queste due mescole sono state le protagoniste, con la Soft che ha fatto da comparsa solo in due casi.

F1 GP Monaco 2024 post gara Pirelli strategie
Gli stint dei piloti a Monaco – Fonte: Pirelli

Nell’intera gara, i piloti devono effettuare almeno un pit stop, e i due stint che compongono la gara devono essere percorsi su due mescole differenti. In questo senso è stata fondamentale la bandiera rossa subito dopo la partenza. Alla ripartenza, infatti, le persone che avevano montato la C4 inizialmente avevano la C3 e viceversa. In questo modo, fatta eccezione per Sargeant, tutti gli altri hanno smarcato la sosta al primo giro.

Da lì in poi la gara si è basata sulla gestione degli pneumatici. In pista si sono formati dei raggruppamenti di piloti in base alla mescola che montavano, e la distanza ad un certo punto è diventata talmente ampia che alcuni hanno avuto la possibilità di fare un pit stop senza perdere la posizione.


Leggi anche: F1 | GP di Monaco noioso? Verstappen e Russell propongono delle soluzioni…originali – VIDEO


Il commento di Mario Isola

Il Presidente di Pirelli Motorsport si è anzitutto complimentato con il vincitore della gara. Complimenti a Charles Leclerc e alla Scuderia Ferrari per questa vittoria: possiamo solamente immaginare quanto Charles sia felice per aver trionfato sulle strade della città dov’è cresciuto!

Parlando poi delle scelte dei team, ha spiegato: Già di solito la gara di Monaco non offre molti spunti e oggi anche quei pochi sono stati praticamente azzerati dalla bandiera rossa esposta già al primo giro. Infatti, l’interruzione ha reso non più necessario il pit-stop, come spiegato in precedenza“.

Sapevamo che sia la Hard che la Medium erano in grado di far completare l’intera distanza di gara se gestite adeguatamente e ciò è stato fatto praticamente da tutti i piloti“.

“All’interno dei gruppi formati in pista si è un po’ giocato a scacchi per provare a indurre all’errore gli avversari ma senza che mai si creassero davvero delle opportunità per un sorpasso o per un cambio di strategia capace di sparigliare le carte“.

Mario Isola conclude facendo notare: Non è un caso che le posizioni dei primi dieci siano rimaste identiche dal primo all’ultimo giro“.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Fonte copertina: Sky Sports UK


Articoli Correlati

F1 | Leclerc: “Feeling migliore con la SF-24. La Red Bull? Da raggiungere”

Eleonora M.

IndyCar | Abel Motorsports si prepara ad esordire ‘a tempo pieno’ nel 2025?

Lorenzo P

F1 | GP Giappone – Corsa contro il tempo in Williams, Sargeant: “È andata meglio del previsto”

Alessandro P

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.