Luglio 25, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Il ‘caso Horner’ potrebbe aiutare la Ferrari: Maranello pronta a fare spesa in Red Bull

Il ‘caso Christian Horner’ potrebbe sconvolgere l’organigramma della Red Bull, con la Ferrari che sarebbe pronta ad approfittarne, ingaggiando tecnici per la F1 che darebbero nuova linfa a Maranello

Il ‘caso Christian Horner’ potrebbe ridisegnare non soltanto il muretto della Red Bull ma le sue strutture interne, dando la possibilità a diverse squadre di F1 – Ferrari su tutte – di approfittarne. Sul nome dei tecnici che dall’Austria potrebbero trasferirsi a Maranello, nelle ultime ore, continuano a rincorrersi le più diverse indiscrezioni.

Due, su tutti, i nomi più caldi. A fianco dell’immancabile Adrian Newey – Chief Technical Officer della scuderia austriaca – è emerso infatti quello di Pierre Waché. Francese, classe 1974, formalmente Waché è dal 2018 il Direttore tecnico della Red Bull. Di fatto, l’ingegnere transalpino è il ‘braccio destro’ di Newey.

Se da una parte il nome di Newey viene accostato a Maranello ciclicamente, la candidatura di Waché avrebbe ben altro peso. La situazione, comunque, potrebbe evolvere repentinamente da un momento all’altro.

Quali indizi per fare una prova

Il possibile matrimonio tra Newey e la Ferrari, sognato da tanti, potrebbe in questo caso avere un appiglio giuridico. Come ha scritto Luigi Perna sulla Gazzetta dello Sport, “nel contratto di Newey ci sarebbe una clausola rescissoria da poter esercitare nel caso in cui Horner fosse rimosso o costretto a dimettersi“.

La presunta clausola – insieme all’orizzonte di nuove sfide – potrebbe fungere da trampolino di lancio. L’ex ingegnere di Williams e McLaren, magari spinto dall’ingaggio di Lewis Hamilton, potrebbe davvero cambiare. A quel punto, poi, ci sarebbe da trovare un accordo sul compenso. Attualmente – sempre secondo l’articolo di Perna – Newey guadagnerebbe circa 15 milioni di Euro.


Leggi anche: F1 | Sebastian Vettel: deciso il suo futuro nella GPDA


Su Pierre Waché in Italia, Perna sembrerebbe invece essere meno incerto. Per altro, la Ferrari aveva già sondato l’ex tecnico della Michelin, lo scorso anno, ricevendo un rifiuto. Le condizioni, però, sarebbero rapidamente mutate e adesso, visti i piani di John Elkann, “Waché starebbe prendendo in seria considerazione l’idea di accettare“.

Sulla Gazzetta, inoltre, è circolato il nome di Enrico Balbo, capo degli aerodinamici della Red Bull. Altro obiettivo della casa italiana, Balbo potrebbe non essere coinvinto dai piani di una ‘nuova Red Bull’. E’ evidente, a quel punto, che la Ferrari farebbe di tutto per assumerlo.

F1 Red Bull Ferrari
L’indebolimento interno della Red Bull potrebbe essere sfruttato dalla Ferrari, pronta a ridefinire i valori della F1 – Auto Motor und Sport Credits

In attesa che l’indagine si concluda, è chiaro che potrebbero aprirsi delle grandi finestre di opportunità. Sfruttarle, pianificando mosse e investimenti, si ripercuoterebbe sui valori della F1, nel medio e nel lungo periodo.


.Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Copertina: Las Motorsport/Red Bull/Mark Thompson/Getty Images Credits

Articoli Correlati

F1 | GP Qatar – Griglia di partenza: Verstappen abbonato alla prima posizione, caos McLaren

Filippo Paucci Cherubini

F1 | Button sui commenti di Norris dopo il GP di Silverstone: “È una debolezza che non deve mostrare”

Giorgia Galeone

F1 | GP Arabia Saudita – Griglia di partenza: Verstappen e Leclerc in prima fila, buon debutto per Bearman

Giada Di Somma

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.