Maggio 23, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | L’opinione dei piloti sul weekend sprint in Cina

Il GP in Cina è tornato in calendario quest’anno ma nel formato sprint, e i piloti hanno espresso alcune perplessità al riguardo.

I piloti non ritengono furba la scelta di effettuare il weekend sprint proprio in Cina, dove la F1 non corre dal 2019. A causa del Covid-19, infatti, questa tappa non è più rientrata in calendario fino ad oggi, e dopo 5 anni avere solo una sessione di prove libere a disposizione potrebbe mettere in difficoltà i team.

Piloti sprint Cina
Il circuito di Shanghai visto dall’alto.
Fonte: Infomotori

Uno dei piloti che ha dato la sua opinione sull’argomento è stato Max Verstappen. Ha spiegato le differenze tra il punto di vista del pubblico e degli organizzatori e quello del pilota e della squadra. Alla richiesta di un parere sul weekend sprint proprio su un circuito dove non si correva da tempo, Verstappen ha risposto in tono sarcastico: “Si, è proprio intelligente farlo”.

L’olandese si è poi spiegato meglio: “Penso che non sia bello farlo, perché quando sei lontano da una pista per un bel po’ non sai mai cosa ti aspetta, quindi sarebbe stato meglio trascorrere un normale fine settimana di gara lì”.

Il volere della F1 di movimentare i weekend per renderli più variegati sarà quindi assecondato. “Probabilmente renderà le cose un po’ più vivaci, e forse è quello che vorrebbero vedere”. Dall’altro lato però, Max spiega: “Puramente dal punto di vista della guida e delle prestazioni di questo sport, penso che non sia la cosa più intelligente da fare“.


Leggi anche: F1 | Kimi Antonelli potrebbe debuttare in Williams nel 2024! La possibile ipotesi…


Il pensiero di Perez è in linea con quello del compagno di squadra. Il messicano si augura che la pista non presenti problematiche in quanto, avendo solo una prova libera, metterebbe ancor più in difficoltà l’intera griglia.

Anche lui ha dato attenzione al doppio punto di vista, spiegando che per lo spettacolo sarà una condizione ottima quella del format sprint. Perez infine aggiunge: “Penso che per quanto riguarda la preparazione sarà sicuramente davvero dura. Non ho mai corso lì con la Red Bull, quindi ci sarà molto lavoro da fare”.

Carlos Sainz ha spiegato che la natura del circuito favorisce i sorpassi, e dunque un weekend sprint è coerente con la tipologia di tracciato. Il problema, come conferma il pilota Ferrari, è che su questa pista non si corre dal 2019, e per le squadre si complica tutto.

Lo spagnolo ha affermato che i piloti ne hanno perlato anche nel briefing con i vertici F1 e FIA, spiegando che già di per se con queste auto è complesso avere una sola prova libera a disposizione. C’è poi un aggravante che spiega Sainz. “Abbiamo anche sentito che è in corso la riasfaltatura. Forse per voi ragazzi a casa è emozionante. Per ingegneri e piloti, secondo me, non dovremmo correre il rischio e trascorrere un fine settimana normale“.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Fonte copertina: funoanalisitecnica


Articoli Correlati

F1 | GP Arabia Saudita – Mercedes, Russell: “Bellissimo essere davanti alle Ferrari ma noi vogliamo raggiungere le Red Bull”

Maria Grazia De Sanctis

F1 | GP Austria – Leclerc dopo la Sprint Race: “Non sono al livello che vorrei”

Luigi Belfiore

F1 | Il paddock si sposta di nuovo in India? il governo del Gujarat ci riprova

Simona Puleo

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.