Luglio 14, 2024
Paddock News 24
F1

F1 | Monaco noiosa? Le soluzioni proposte da Helmut Marko

La gara di F1 sulle strade del Principato di Monaco ha fatto storcere il naso a molti per il poco spettacolo in pista; non da ultimo Helmut Marko che sembra avere le idee chiare.

Il circuito del Principato di Monaco è uno dei più iconici nel calendario della F1 e da qualche anno anche in altre categorie come la Formula E; tuttavia a causa della conformazione del circuito lo spettacolo in pista è sempre più ridotto, un qualcosa che secondo Helmut Marko necessita di una soluzione.

La bandiera rossa durante la gara di F1 a Monaco ha fatto storcere il naso a Helmut Marko, Credit: Oracle Red Bull Racing

La gara di Monaco per la Red Bull non è stata di certo esaltante e secondo le aspettative con l’incidente di Sergio Perez e il sesto posto di Max Verstappen. Inoltre, una curiosa statistica, riguarda la classifica dei primi dieci piloti; l’ordine di arrivo è stato lo stesso delle qualifiche, senza alcun avvicendamento di posizioni.


Leggi anche: F1 | Le indiscrezioni dalla Germania: Adrian Newey non andrà in Ferrari


Diverso layout e pit stop obbligatori

Helmut Marko, come riportato da Racingnews365, ha dichiarato che ci sono già delle proposte su cui si sta lavorando:

“Dopo la bandiera rossa, il GP di Monaco è stato un corteo, ma è ancora impossibile immaginare la Formula 1 senza Monaco, perché questa pista ricalca ciò che la Ferrari rappresenta per i team di Formula 1“, ha scritto Marko nella sua rubrica su Speedweek. “Ma bisogna fare qualcosa. La cosa più semplice sarebbe cambiare tracciato, e ci sono già piani e idee per questo.”

Il regolamento sportivo in vigore consente ai team di poter fare il pit stop obbligatorio in regime di bandiera rossa; dopo l’incidente di Perez tutti i piloti hanno cambiato gli pneumatici.

Che fare a questo punto? Marko propone anche dei pit stop obbligatori in più per rendere il risultato finale ancora più incerto:

“Un’altra opzione potrebbe essere quella di richiedere due pit stop obbligatori, ad esempio, o l‘utilizzo di tutti e tre i tipi di pneumatici, in modo che entri in gioco un po’ di strategia. La modifica delle regole del 2026 renderà le auto un po’ più leggere e più piccole, ma questo da solo non risolverà il problema. Dobbiamo stabilire il numero di cambi gomme o avere una pista che offra almeno una possibilità realistica di sorpasso”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


*Immagine di copertina, credit: Piano Deportivo via X

Articoli Correlati

F1 | GP Monaco – Anteprima Pirelli: come si comportano le gomme su un cittadino?

Vanessa Cravotta

F1 | GP Abu Dhabi – I Punti Chiave del Venerdì al Yas Marina

Francesca Brusa

F1 | Ferrari – Leclerc suona la carica e minaccia Red Bull: “Voglio il Mondiale”

Simona Puleo

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.