Luglio 23, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Svelato il nuovo Regolamento FIA 2026: monoposto più leggere e più potenti

Monoposto più leggere di 30 kg e quasi il 300% in più di potenza della batteria: ecco il nuovo regolamento FIA.

Questo pomeriggio alle 15:30 ora italiana, la Formula 1 e la FIA hanno ufficialmente presentato il regolamento che entrerà in vigore a partire dal 2026, che si prospetta rivoluzionare il mondo della F1 così come lo conosciamo.

Regolamento FIA 2026. Fonte: fia.com

L’obiettivo principale del nuovo regolamento è quello di rendere le vetture meno voluminose, facilitando così le battaglie in pista e migliorando l’esperienza di gara. Le nuove monoposto saranno più agili e compatte, favorendo sorpassi e competizioni più serrate.

Le novità introdotte dal regolamento FIA

– Il concetto di “auto agile” al centro dei regolamenti tecnici del 2026 mira a migliorare la guidabilità e le corse più ravvicinate.

Le auto del 2026 saranno 30 kg più leggere rispetto alle auto di F1 della generazione attuale, migliorando l’efficienza e la maneggevolezza.

– Il propulsore riprogettato si basa sui motori più efficienti al mondo con quasi il 300% in più di potenza della batteria e persino suddiviso tra combustione interna ed energia elettrica.

– Aerodinamica attiva per soddisfare i requisiti di gestione energetica delle nuove unità di potenza.

Maggiori opportunità di sorpasso grazie alla nuova modalità di esclusione manuale, che garantisce una maggiore distribuzione di energia elettrica per l’auto che segue.

– Numero record di sei produttori di propulsori con Ferrari, Mercedes, Alpine, Honda, Audi e Red Bull Ford Powertrains impegnati in F1 dal 2026.

Nel 2026 le auto funzioneranno con carburante sostenibile al 100%.

Maggiore sicurezza grazie a strutture più robuste e test ancora più severi.


Leggi anche: F1 | Il Regolamento FIA 2026 nel dettaglio


Jason Somerville, capo dell’aerodinamica della FIA, ha affermato: “La differenza tra il DRS sulla vettura attuale e i piani per la vettura del 2026 si riduce davvero all’utilizzo sul giro“.

In genere, il DRS è un aiuto al sorpasso e lo concedi quando ti trovi entro un secondo da un’auto in testa in punti specifici“.

Con la vettura del 2026, daremo ai piloti la possibilità di passare dalla modalità ad alto carico aerodinamico a quella a bassa resistenza indipendentemente da eventuali lacune“.

Quindi, in punti predefiniti del giro, un pilota sarà in grado di passare a una modalità a bassa resistenza per ottenere le prestazioni sui rettilinei dove non ha limitazioni di aderenza“.

Quindi, quando ti avvicini alla zona di frenata, tornerai alla modalità ad alto carico aerodinamico”.

Ogni vettura ha la possibilità di passare da una modalità all’altra, comportando lo spostamento dell’ala posteriore e la regolazione dell’ala anteriore, e qualsiasi vettura successiva può fare lo stesso“.

Si tratta di un sistema attivo controllato dal conducente, anche se riceverà un trigger, nello stesso modo in cui lo riceve ora, per indicare quando può attivare la modalità a bassa resistenza. E il sistema tornerà alla modalità ad alto carico aerodinamico sotto il controllo del conducente o tramite la pressione dei freni“.

E aggiunge: “Una somiglianza con l’attuale utilizzo del DRS è che attorno alla pista verranno allestite zone specifiche in modalità X, anche se i dettagli esatti di ciò non sono ancora stati definiti“.

Potrebbero esserci regolamenti sportivi, che ad esempio impediscono l’uso in condizioni di bagnato, ma comunque ci aspettiamo che i piloti abbiano accesso ad entrambe le modalità in pista per ogni giro“.

Le parole del presidente FIA

Oggi la FIA sta definendo un futuro estremamente entusiasmante per l’apice dello sport motoristico con il lancio di una nuova serie completa di regolamenti per il Campionato del mondo FIA di Formula Uno 2026 e oltre“. Inizia così la dichiarazione di Mohamed Ben Sulayem, presidente FIA.

Dopo la pubblicazione dei regolamenti sulle power unit del 2026, due anni fa, abbiamo colto l’opportunità di ridefinire le normative sul telaio per soddisfare il fabbisogno energetico delle nuove power unit”.

“La collaborazione con i nostri partner di Formula 1 e con l’assistenza delle 10 squadre di questo sport e di tutti i nostri stakeholder rappresenta una revisione unica che garantirà che il nostro campionato principale sia ancora più rilevante per ciò che sta accadendo nel mondo”.

“Le caratteristiche principali dei regolamenti F1 2026 sono tecnologia avanzata, sostenibilità e sicurezza. Il nostro obiettivo, insieme alla Formula 1, era quello di produrre un’auto adatta al futuro della categoria d’élite di questo sport. Crediamo di aver raggiunto questo obiettivo”.

Anche Stefano Domenicali, CEO della F1, ha commentato positivamente le novità: “Questi regolamenti segnano un momento significativo nel futuro del nostro sport mentre attendiamo con impazienza una nuova generazione di auto e propulsori che mirano a dare ai nostri fan gare più ravvicinate ed emozionanti“.

Entriamo in questo nuovo ciclo normativo con lo sport nella posizione più forte che sia mai stata, e sono fiducioso che il lavoro svolto dalla FIA per creare questi regolamenti rafforzerà ulteriormente la posizione di questo sport in tutto il mondo”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Fonte immagine di copertina: fia.com

Articoli Correlati

MotoGP | Dall’Igna: “Ducati 2024? Non sarà quella che abbiamo presentato”

Luigi Belfiore

F1 | GP Bahrain: Sainz positivo dopo le prove libere, Ferrari a caccia della pole position

Alessia Malacalza

F1 | Le opinioni dei piloti sul GP di Monaco

Antonia De Falco

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.