Luglio 18, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Test Bahrain 2024: ecco i punti chiave del Day 3

E’ terminata anche la terza giornata di test in Bahrain: abbiamo dunque selezionato i punti chiave dell’ultima sessione.

Di seguito i punti chiave della terza giornata di test in Bahrain. I team hanno infatti concluso le 24 ore di test a disposizione prima dell’inizio del campionato Clicca ai seguenti link, invece, per vedere i risultati e la sintesi della giornata.

Punti chiave test bahrain
Sergio Perez passa sul tombino e lo alza – Fonte: @F1 on X

Un tombino interrompe i test, di nuovo

Dopo nemmeno mezz’ora di test è arrivata una bandiera rossa. La causa? Nuovamente un tombino, lo stesso di ieri. E’ stato Sergio Perez a passarci sopra e alzarlo. La Red Bull si è poi occupata di controllare i possibili danni nel fondo della vettura, ma tutto è filato liscio. Ha contribuito anche Adrian Newey, che è stato immortalato sdraiato per verificare l’integrità della macchina progettata. La vettura di Perez è così riuscita a tornare in pista, ma le prestazioni non sono state al livello di Verstappen, sia nella simulazione qualifica che in quella della gara.

La bandiera rossa è durata un’ora e un quarto, così la FIA ha deciso di restituire questo tempo ai team allungando la sessione. Hanno tolto la pausa dalle 12 alle 13, con i team che hanno dunque continuato per 8 ore consecutive l’attività in pista.


Leggi anche: F1 | Test Bahrain 2024: ecco i punti salienti della seconda giornata


Tanti intoppi per Norris

Dopo i problemi avuti nel Day 2, nemmeno il Day 3 di Norris è filato liscio. Il pilota McLaren ieri non ha svolto molta attività in pista a causa di una criticità individuata nel pescaggio della benzina. Oggi per lui problemi alla frizione, e il team di mattina è stato impegnato a lavorare sulla sua vettura. Il pilota britannico non ha effettuato dei test lineari, tanto che nella mattinata di oggi ha effettuato solo 20 giri.

Un martello Verstappen

Il pilota olandese non ha eccelso nel giro secco: ha concluso quarto in classifica in 1.30.755 con gomma C3. Nel passo gara si è però dimostrato molto costante con tutte le mescole utilizzate. Va precisato che rimane un’incognita il carico di benzina, perché Max non ha fatto dei passaggi in pitlane per simulare un GP intero, ma si è fermato ai box dopo ogni stint. Rimane comunque notevole il ritmo che ha mantenuto per tutti i giri, e che sicuramente sarà un campanello d’allarme per gli avversari.

Il Day 3 della Ferrari

Sulla simulazione qualifica la Ferrari si impone davanti a tutti, con Charles Leclerc che si prende la miglior prestazione di giornata in 1.30.322 con gomma C4. Sainz ha invece ottenuto la miglior prestazione tra i piloti che hanno corso di mattina in 1.31.247 con gomma C3. Sul passo gara lo spagnolo ha segnato tempi interessanti per tutto il long run. Charles Leclerc, invece, ha avuto un calo vertiginoso delle prestazioni nel primo stint con gomma C3. Il monegasco si è poi ripreso con il long run su gomma C1, e con quello breve su gomma C2. La Ferrari, come hanno confermato anche i piloti, arriva al primo weekend di gara in una condizione migliore rispetto al 2023.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter

Fonte copertina: @OffTrack on X


Articoli Correlati

F1 | Hamilton: “La Mercedes è ancora a qualche gara di distanza dalla vittoria”

Giorgia Galeone

F1 | Budget cap tra modifiche e investigazioni: FIA, ci risiamo?

Martina Luraghi

F1 | Caso Horner: la dipendente è l’amante di Jos Verstappen?

Vanessa Cravotta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.