Luglio 18, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Test Bahrain 2024: ecco i punti salienti della seconda giornata

In Bahrain le monoposto erano in pista oggi per la seconda giornata di test, prima dell’inizio della stagione. Ecco i punti chiave delle due sessioni.

I problemi per Sergio Perez

Nella sessione di questa mattina, dalle 8 alle 11, Perez è sceso in pista dopo aver lasciato la prima giornata di test al suo compagno Max Verstappen.

Però i suoi primi giri iniziano male, dopo un’ora è riuscito a portare a termine solo 7 giri. Infatti, a poco dall’inizio della sessione, ci sono già stati i primi lavori sull’impianto frenante della sua RB20.

Oltretutto, in pista dimostra di avere qualche difficoltà in più rispetto a Verstappen che ieri ha da subito imposto il suo ritmo, chiudendo la giornata con il miglior tempo (1:31.344).

Ad ogni modo, il numero 11 della Red Bull è riuscito a conquistare il quarto posto nella classifica con 1:32.879 a +1.129 da Leclerc, nella sessione di questa mattina, e secondo con 1.30.679 a +0.758 da Sainz, nella sessione pomeridiana.

test Bahrain seconda giornata
Sergio Perez, pre-season test in Bahrain – seconda giornata (Immagine: Yawclub)

Le sessioni della Ferrari

Charles Leclerc è sceso in pista per la mattinata e si è aggiudicato il primo posto con un 1:31.750. Questo però non toglie i problemi avuti durante la prima sessione.

Dopo nemmeno mezz’ora dall’inizio del test, infatti, una vettura Haas perde un pezzo in pista e Leclerc non riesce a evitarlo. Non ci sono state ripercussioni per la vettura numero 16, ma poco dopo sono stati fatti dei controlli sul fondo.

Questi controlli vengono, poi, ripetuti dopo l’uscita della bandiera rossa e il monegasco esce dalla vettura. La bandiera rossa, infatti, è stata provocata da Hamilton e Leclerc che hanno “collaborato” e un tombino è stato sradicato dal circuito, creando disagi per la sicurezza delle vetture in pista. Inoltre, ha danneggiato la vettura del monegasco non gravemente.

Enrico Cardile, direttore tecnico Ferrarisul danno al fondo di Leclerc ha dichiarato“Il problema si è verificato in una piccola parte del fondo, nulla di preoccupante. Abbiamo cambiato il fondo e abbiamo continuato la nostra giornata”.

Il numero 16 della scuderia è tornato, poi, in pista dalle 12 alle 13 per recuperare il tempo perso nella sessione mattutina per poi lasciare la SF-24 a Sainz fino alle 17.

Nel pomeriggio, però, il miglior tempo è di Sainz con gomma C4, che mette sul tabellone un tempi di 1:30.686. Una volta arrivati ad una temperatura simile a quella del GP del Bahrain, lo spagnolo ha iniziato la simulazione passo gara dando ottimi risultati. Rimane il primo in classifica per la seconda giornata di test in Bahrain e il compagno scende in sesta posizione.

test Bahrain seconda giornata
Charles Leclerc, pre-season test in Bahrain – seconda giornata
(Immagine: Autosport)

Leggi anche: F1 | Leclerc: “Feeling migliore con la SF-24. La Red Bull? Da raggiungere”


Bandiera rossa: detriti sul circuito

Durante la sessione mattutina di test, una bandiera rossa ha fatto terminare prima il tempo a disposizione che è stato recuperato nel pomeriggio. Lo stop avviene quando McLaren, Mercedes e Ferrari stavano facendo simulazione passo gara, interrompendo i loro piani.

Poco dopo l’uscita della bandiera, viene confermata la causa: un tombino che era stato alzato dal passaggio di Hamilton e poi sradicato da Leclerc, ha creato una situazione poco sicura in pista. Sono stati necessarie riparazioni al circuito.

Per controllare la situazione, entra in azione la SC targata Mercedes. Era però stata annunciata l’uscita, dopo la sessione mattutina, per un test della SC Aston Martin con un pattern singolare.

Nel pomeriggio si è vista un’altra bandiera rossa. Con molta probabilità si è trattato di test di controllo. Dopo le prove di partenza sono seguite poi altre bandiere rosse di prova.

test Bahrain seconda giornata
Test Bahrain, seconda giornata. SC Aston Martin.
(Immagine: GPFans)

La McLaren migliora

Nella sessione di questa mattina, la McLaren n.81 di Oscar Piastri era seconda – a 5 decimi da Leclerc.

L’ australiano ha percorso 35 giri e ha segnato la velocità massima di 282km/h. La MCL38 di Piastri ha mostrato un buon passo gara, però era in simulazione di long run al momento della bandiera rossa.

Nel pomeriggio la monoposto di Lando Norris, sceso in pista dopo Piastri, ha avuto qualche intoppo e i meccanici McLaren hanno dovuto controllare l’area serbatoi.

Finisce, poi, in quarta posizione con un tempo di 1:31.256, a +1.335 da Carlos Sainz nella Ferrari. Oscar Piastri scende in 10 posizione con un 1:32.328, a +2.407 dal numero 55 del cavallino.

Domani si ritorna in pista con la terza, e ultima, giornata di test pre-season in Bahrain. La sessione del mattino inizierà alle 8:00.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Immagine copertina: F1ingenerale

Articoli Correlati

WEC | Le classifiche dopo la 24 ore di Le Mans [Round 4/7]

Antonio Etienne Villa

F1 | GP Austin – Squalifica per Hamilton e Leclerc: ecco il motivo, regolamento alla mano

Davide Allegretti

MotoGP | GP Giappone, Qualifiche – Uno straordinario Martin conquista pole e record della pista, ma Bagnaia e Bezzecchi sono lì

Elia Aliberti

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.