Giugno 22, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Toto Wolff sulla Mercedes W14B: “Copiare da RedBull? No, avremmo perso downforce”

Toto Wolff ha commentato gli aggiornamenti introdotti sulla Mercedes W14, per i quali hanno deciso di non copiare da RedBull.

Wolff Mercedes Redbull
La Mercedes W14 in versione aggiornata – Credit Photo: Mercedes

In Spagna Mercedes ha rivoluzionato la propria vettura, grazie soprattutto all’introduzione delle pance, per le quali Toto Wolff ha spiegato il motivo per cui si è deciso di non copiare il concept RedBull.

Nonostante il sostanzioso pacchetto di aggiornamenti introdotto a Barcellona, Mercedes non è riuscita a svoltare la stagione. Le modifiche, così importanti da aver dato il nome di W14B alla vettura aggiornata nel gergo comune, non sembrano facilmente comprensibili dagli ingegneri.

Gli aggiornamenti

Le novità più importanti riguardano la parte dei sidepods, dove Mercedes ha abbandonato la filosofia senza pance. Modifiche sostanziali sono state fatte anche al gruppo delle sospensioni anteriori, profondamente rivisto. Sebbene per quest’ultimo componente Mercedes si sia ispirata alla RB19, lo stesso non si può dire per quanto riguarda invece i sidepods.


Leggi anche: F1 | RUMOR – Norris avrebbe firmato un pre-contratto con Ferrari


Il TP Mercedes Toto Wolff sulla filosofia RedBull

Sebbene la soluzione presentata dal team austriaco sia stata in lungo e in largo ripresa da numerose squadre, Mercedes non ha seguito i suoi rivali. Secondo Wolff, i suoi ingegneri hanno tentato di testare un concept simile a quello RedBull, ma con scarsi risultati sulla W14.

Analizzando le simulazioni, abbiamo scoperto che andando in quella direzione avremmo perso downforce” ha dichiarato Wolff. Da quanto si comprende quindi dalle sue parole, i suoi ingegneri hanno creato un modello simile a quello RedBull. Le simulazioni di cui parla Wolff, probabilmente di tipo aerodinamico al CFD, non hanno dato gli esiti sperati.

Si evince quindi il motivo per cui a volte non basta copiare la soluzione di un avversario per trovare performance. Tutte le parti di una vettura devono lavorare in sinergia, in particolar modo nel campo dell’aerodinamica, e basta un componente fuori posto per compromettere tutto.

Foto di copertina: Mercedes


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

MotoGP | Bagnaia-Ducati le trattative avanzano, Tardozzi: “Vogliamo continuare insieme”

Sara Bonaduce

F1 | GP Las Vegas – Hamilton: “La pista ha dimostrato che in tanti si sbagliavano alla vigilia”

Mariangela P.

Le classifiche piloti di Moto2 e Moto3 dopo il GP del Qatar

Camilla L.

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.