Luglio 22, 2024
Paddock News 24
Calendario F1F1PN24

F1 | Al via la stagione 2024: ecco tutto ciò che c’è da sapere

Il 2 marzo avrà inizio la stagione di F1 più lunga di sempre. Si parte dal Bahrain. Ecco tutto quello che c’è da sapere per la stagione F1 2024, dai team in pista alle novità sul regolamento.

Mercoledì 21 Febbraio le F1 del 2024 scenderanno in pista per la prima volta per i test pre stagionali. Bisognerà aspettare al 2 Marzo però per il primo vero week end di gara. Tante le novità. Cambiano il format Sprint, i test sul fondo e i set di mescole a disposizione. Aggiunta una nuova presa d’aria. Ecco la guida completa alla stagione di F1 2024.

Stagione F1 2024: la più lunga di sempre

Manca davvero poco all’inizio della stagione di F1 più lunga di sempre. Il calendario F1 2024, infatti, conta ben 24 tappe. Torna il GP di Cina, in cui non si correva dal 2019 a causa della pandemia COVID-19. Si parte il 2 Marzo in Bahrein per poi chiudere i giochi ad Abu Dhabi l’8 Dicembre. Notevole il lavoro a cui sono chiamati a rispondere le Scuderie e gli uomini di FIA e FOM. Tanti i metri da percorrere. Ricordiamo che la scorsa stagione contava 23 tappe. Quella di Imola però non si è svolta a causa della calamità che ha colpito l’ Emilia Romagna.

Calendario stagione F1 2024- Credits: Paddock News
Calendario stagione F1 2024- Credits: Paddock News

Nuovo l’ordine delle tappe. L’ obiettivo è quello di ridurre i costi di logistica e rendere la stagione più sostenibile. Il GP del Giappone si sposta così ad Aprile, quello dell’Azerbaigian a Settembre e quello del Qatar a Dicembre, prima del GP di Abu Dhabi. Da segnalare che per il GP del Bahrein e Arabia Saudita si corre al sabato. La scelta è stata fatta per tenere conto del Ramadan.

Sei le Sprint, nuovo il format e le location

Tra le grandi novità della stagione F1 2024 ci sono le modifiche al format sprint. Il numero è lo stesso della stagione 2023: sei. Cambiano però le sedi. La prima Sprint sarà in Cina, quinta tappa del mondiale. Poi sarà la volta del GP Miami, sesta tappa. Proprio queste due sono le nuove sedi delle sprint. Tornano con il week end “classico” dunque il GP Azerbaijan Belgio. Confermate le sprint per i GP di Austria, Stati Uniti, Brasile e Qatar.

Sprint race F1 2024- Credits: Paddock News
Sprint race F1 2024- Credits: Paddock News

Cambia poi il format. Il week end inizia il venerdì mattina con l’unica sessione di prove libere. Al pomeriggio si torna in pista con le qualifiche Shootout,  per definire la griglia di partenza della Sprint Race. Il sabato mattina è la volta della Sprint Race. Restano al sabato pomeriggio, come per un normale week end le qualifiche del GP della domenica.

Entry list di Team e Piloti per la stagione F1 2024

Non ci sono grandi novità per i team e i piloti per la stagione F1 2024. Dopo 6 anni termina il legame tra Sauber ed Alfa Romeo in F1. Il team svizzero, che dal 2026 prenderà le vesti di Audi, ha scelto come main sponsor per il post Alfa Romeo la piattaforma di streaming Kick.com, già presente come sponsor nella stagione 2023. Confermato il co-title sponsor Stake. Il nome della squadra passa quindi da Alfa Romeo Team Stake a Stake F1 Team Kick Sauber. Di proprietà di Kick.com anche il telaio. Il nome della nuova vettura è, infatti, Kick Sauber C44. Continua la partnership con Ferrari. Il team di Maranello continuerà a fornire a Sauber la power unit, il cambio e le sospensioni.

Entry list piloti e scuderie stagione F1 2024- Credits: Paddock News
Entry list piloti e scuderie stagione F1 2024- Credits: Paddock News

Novità anche per il team satellite di Red Bull. La scuderia di Faenza chiude il legame con il brand di moda Alpha Tauri e cambia volto. Le radici restano italiane ma cambia il main sponsor. Ecco così che nasce la Visa Cash App RB Fomula One Team. Cambia anche il team principal. Dopo 16 anni passati alla guida del team di Faenza, Franz Tost passa il testimone a Laurent Mekies. Tante le novità attese per la stagione 2024 dal nuovo team di F1 che, tra le altre cose, rafforza il legame con Red Bull, come mostrato da RB nel nome.

Aggiornato il regolamento tecnico per la stagione F1 2024: le principali questioni

Per evitare nuove situazioni spiacevoli dovute a condizioni climatiche estreme la nuova versione del regolamento tecnico di F1 per la stagione 2024 vede la comparsa di un Driver Cooling Scoop. Si tratta, in breve, di una presa d’aria aggiuntiva collocata sulla superficie superiore del telaio anteriore.

Confronto Floor edge wing Ferrari e Red Bull- Credits: F1inGenerale
Confronto Floor edge wing Ferrari e Red Bull- Credits: F1inGenerale

Importanti le novità che riguardano il fondo per la stagione F1 2024. Vietati gli elementi ed inserti metallici nelle regioni esterne di Floor Body, Floor Edge Wing e Floor Fences e aggiornate le verifiche. Il nuovo regolamento richiede che il bordo esterno del fondo non flettesse per più di 8mm in corrispondenza di un carico distribuito di 600 N (circa 60 Kg) per ogni lato. Viene chiesto, inoltre, di introdurre dei fermi fisici sull’ala per impedire che il flap anteriore sia regolato oltre i 40mm previsti dal regolamento.

Cambia il regolamento Sportivo: gli elementi della PU tornano a 4, nuove le regole sul DRS

Diverse le novità anche per il regolamento sportivo per la stagione F1 2024. Eliminata l’ATA (Alternative Tyre Location). La soluzione per cui in Q1 venivano usate le gomme Hard, in Q2 le Morbide e in Q3 le Soft non sarà proposta quindi nella stagione 2024. Aumenta poi il numero di km concessi per i filming day. Le squadre avranno, dunque, a disposizione 200 km e non più 100 per fare delle riprese utili agli sponsor.


Leggi anche: F1 | Regolamento tecnico e sportivo 2024: Cosa cambia per le nuove vetture


Aumentano anche i giorni di test, che passano da 35 a 40. Quattro di questi saranno dedicati ai pneumatici da bagnato. Tra le altre novità per la stagione F1 2024 c’è quella sul numero di set assegnati per ogni squadra. I set di intermedie per il week end passano a 5, mentre quelli di full wet a 2.

Il DRS ora può essere attivato dal pilota dopo aver completato un giro dopo la partenza o dopo un periodo di safety car. Cambia ancora il numero di elementi della power unit. Ogni pilota non potrà utilizzare più di quattro motori (ICE), quattro unità generatrici di calore (MGU-H), quattro turbocompressori (TC), due accumulatori di energia (ES), due unità elettroniche di controllo (CE), quattro unità generatrici di calore (MGU-K) e otto EX (Engine EXhaust System).


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Crediti immagine di copertina: Bahrain Int. Circuit on X

Articoli Correlati

F1 | GP Silverstone, il meteo: rischio di pioggia e vento forte per tutto il weekend

Francesco Ghiloni

F1 | GP Australia 2023 – Risultati e i 5 punti chiave delle Prove Libere a Melbourne

Paddock News 24

F1 | Hulkenberg dopo l’ottimo 6° posto a Silverstone: “Siamo in lotta per essere quinta forza”

Riccardo Callegari

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.