Maggio 18, 2024
Paddock News 24
AusGPF1PN24

F1 | GP Australia – Preoccupazione in casa Red Bull, Marko: “Perez perdeva anche due secondi da Sainz”

Nel weekend F1 in Australia sulla pista di Albert Park Red Bull ha avuto pesanti difficoltà non solo con il ritiro di Max Verstappen ma anche con Sergio Perez.

Il gp di Australia, terzo appuntamento della stagione di F1, ha visto il dominio della Ferrari che ha approfittato dei problemi avuti dalle Red Bull di Max Verstappen e Sergio Perez.

F1 australia red bull perez
Ritiro per Verstappen e ritmo lento per Perez in Australia, Credit: Red Bull Racing

Max Verstappen aveva ottenuto la pole position ed era riuscito a tenere a bada in partenza gli attacchi degli inseguitori. Tutto sembrava essere apparecchiato per la decima vittoria consecutiva del pilota olandese che avrebbe eguagliato la sua striscia di vittorie consecutive, interrotta lo scorso anno a Singapore.

Tuttavia il pilota della Red Bull ha dovuto abbandonare le possibilità di successo a causa di un problema al freno posteriore destro che lo ha costretto al ritiro. Nel post gara Verstappen ha rivelato che, prima del problema, la vettura aveva già dato dei primi segnali; la vettura sembrava avere il freno a mano tirato.


Leggi anche: F1 | GP Australia – Russell punta il dito contro Alonso: “Ha chiaramente frenato prima dei giri precedenti”


“In alcuni momenti Perez più lento di oltre due decimi”

A preoccupare i vertici Red Bull, oltre al problema di Verstappen, è stato il passo gara di Sergio Perez. Il messicano, a podio sia in Bahrain che a Jeddah, era partito dalla sesta posizione in griglia di partenza dopo aver ricevuto una penalità di tre posizioni per aver ostacolato Nico Hulkenberg durante le qualifiche e ha tagliato il traguardo al quinto posto.

Nel post gara a ServusTV Helmut Marko ha rilasciato queste dichiarazioni:

“Max nonostante i problemi in frenata è riuscito a tenere il ritmo nei primi giri. Checo, invece, non è riuscito a tenere il passo”, ha aggiunto Marko. “Perché? In alcuni momenti eravamo due secondi più lenti del leader della corsa. Dobbiamo iniziare a valutare determinate cose. Forse la pressione delle gomme era troppo alta per queste condizioni oppure abbiamo sbagliato il set-up perché lui era due secondi più lento. Pensavamo che i problemi fossero stati risolti, guardando a quanto successo a Max. Ma come ho detto il risultato di Checo in gara ci fa riflettere.”


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


*Immagine di copertina, credit: Red Bull Racing

Articoli Correlati

F1 | Problemi di peso, le scuderie hanno detto no ai copricerchi a LED

Nicola Poggi

F1 | La rivelazione di Horner: sapeva chi avrebbe vinto il Mondiale già dopo poche settimane

Antonio Spina

F1 | Scelte da Pirelli le mescole per Canada, Austria e Gran Bretagna

Martina Luraghi

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.