Maggio 21, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | GP Cina – SINTESI gara: Davanti a tutti c’è ancora lui, dietro Norris si riscatta, mentre la Ferrari fatica

Max Verstappen vince anche il GP della Cina dopo che il circuito manca in F1 da cinque anni. Dietro un incredibile Norris, seguito da Perez.

Si conclude qui il GP della Cina. Dopo cinque anni dall’ultima presenza, la F1 torna a correre nel circuito di Shanghai con una gara ricca di eventi. Protagoniste due Safety Car e diverse collisioni nel midfield, alla fine, però, a vincere è sempre lui. Max Verstappen vince la quarta gara di stagione, seguito da Norris, MVP di giornata, e da Perez. Quarte e quinte le Ferrari che hanno faticato più del previsto.

F1 GP Cina
La classifica completa del GP della Cina (crediti: @F1)

Quasi tutti i piloti hanno deciso di partire con gomma gialla ad eccezione di Magnussen con la Hard, Stroll con la rossa e Hamilton con la stessa mescola.

Giri 1 – 25

Parte subito forte Verstappen che se ne va, mentre dietro di lui si lancia a fionda Alonso che guadagna la posizione su Perez . Imprevisto, invece, per le Ferrari che perdono subito la posizione su Russell e Hulkenberg, anche se quest’ultimo è stato ben presto ri-passato.

Nelle retrovie fatica Hamilton che resta tra la diciottesima e la diciannovesima posizione. Davanti l’Aston Martin di Alonso comincia a faticare e deve cedere la posizione prima a Perez e più tardi a Norris.

Attorno al giro 8 anche Russell inizia a faticare e viene sorpassato da entrambe le Ferrari. Nei due giri successivi, invece, iniziano a verificarsi i primi pit stop, tra cui quello di Hamilton per nulla contento della performance della macchina.

Leclerc riesce a superare anche Piastri e a mettersi a caccia di Norris più avanti. Al giro 18 è Sainz il primo dei due ferraristi a fermarsi, mentre le due RB si danno battaglia in pista con Ricciardo che supera Tsunoda per la quattordicesima posizione.

L’occasione per Leclerc arriva al giro 21 quando Bottas accusa un problema al motore e si ferma a bordo pista. La direzione gara opta per una Virtual Safety Car, tramutata poi in Safety Car e quasi tutti i piloti ne approfittano per fermarsi, tra cui Norris e Leclerc per il loro primo pit stop.

Il monegasco riesce così a guadagnare la terza posizione dietro Verstappen e Norris, mentre Sainz viene superato da Alonso con gomma rossa per la quinta posizione.


Leggi anche: F1 | GP Cina – Dal dominio Verstappen, all’accesa lotta per il podio: cosa è successo nella giornata di sabato


Giro 26 – 56

Nemmeno il tempo di ripartire che altri contatti fermano nuovamente la gara ed esce una seconda Safety Car. La causa sono due contatti nelle retrovie: il primo tra Magnussen e Tsunoda, con quest’ultimo costretto al ritiro immediato, e il secondo tra Stroll e Ricciardo, con quest’ultimo che dopo qualche giro ha dovuto fermarsi così come il compagno.

Sia il pilota Haas che il pilota Aston Martin hanno ricevuto una penalità di 10 secondi per i contatti che hanno causato. Insieme a loro anche Sargeant per infrangimento del regime di Safety Car.

La gara riprende al giro 31. Entrambe le Ferrari faticano con la gomma bianca, tanto che Perez riesce a superare Leclerc al giro 39 e Sainz viene attaccato da Russell.

Bene ora Hamilton che si trova correntemente in nona posizione. Nel frattempo anche Piastri accusa qualche danno per effetto domino del contatto tra Stroll e Ricciardo.

Al giro 49 Alonso, con gomma più fresca, completa un bel sorpasso su Hamilton, ma non gli basta e passa subito anche Piastri per la settima posizione.

Poca azione nell’ultima fase di gara che si conclude col solito Verstappen davanti a tutti. Dietro di lui si riscatta Lando Norris, eletto MVP di giornata, mentre chiude il podio Sergio Perez. Seguono le due Ferrari di Leclerc e Sainz col monegasco che ha performato generalmente meglio del compagno di squadra, seppure entrambe le vetture hanno faticato più del previsto.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Crediti immagine di copertina: @F1

 

 

Articoli Correlati

MotoGP | Quartararo ha svelato i motivi del rinnovo con Yamaha

Samuele Buccoliero

F1 | GP Australia – Anteprima Mercedes, Wolff è carico: “I segnali dalla fabbrica sono promettenti”

Marco Cesaroni

Formula E | Roma E-Prix – I punti chiave del weekend sulla pista dell’EUR

Alessandro P

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.