Giugno 22, 2024
Paddock News 24
Analisi TelemetrieF1ImolaGPPN24

F1 | GP Imola – Analisi Telemetrie Qualifiche: delusione Ferrari?

Red Bull risolve i problemi di setup e fa pole. Analizziamo le telemetrie delle qualifiche a Imola per capire i punti di forza delle squadre.

Dopo delle prove libere dove sembravano in difficoltà, la Red Bull risolve i problemi di setup e fa pole con Verstappen. La Ferrari invece, favorita del venerdì, viene addirittura battuta da entrambe le McLaren sul giro secco. Ecco l’analisi delle telemetrie delle qualifiche a Imola!

I distacchi dalla pole

Analisi Telemetrie Qualifiche Imola - Delta
Delta fastest lap – © Filippo Pesavento

Verstappen in pole, con Piastri e Norris subito attaccati, a meno di un decimo di distacco: gli aggiornamenti McLaren sembrano essere confermati nella loro bontà, almeno per quanto riguarda la qualifica. Ferrari inaspettatamente si è trovata indietro, con Leclerc a 2 decimi dalla pole e Sainz addirittura a mezzo secondo di distacco.

Analisi dei minisettori

Analisi Telemetrie Qualifiche Imola - Minisettori
Analisi minisettori – © FIlippo Pesavento

Anche l’analisi dei minisettori offre un quadro ben diverso da quello delle prove libere: Ferrari non più dominante su buona parte del giro, anzi: Leclerc riesce ad essere il più veloce solo nel tratto misto tra la Piratella (curva 9) e Acque Minerali, e poi nel tornante della Rivazza. Il resto del giro se lo contendono in parti praticamente uguali i piloti in prima fila, Verstappen e Norris.


Leggi anche: F1 | Qualifiche GP Imola – Verstappen in pole: “Non me l’aspettavo”


Top Speed

Analisi Telemetrie Qualifiche Imola - Top Speed
Top Speed – © Filippo Pesavento

Un punto fondamentale di questa delusione Rossa lo raccontano le top speed: la Red Bull è nettamente superiore ai competitor, con Verstappen che grazie alla scia raggiunge addirittura i 340 km/h. Perez è comunque poco dietro, con 337 km/h. Gli avversari invece sono appaiati tra di loro: Aston Martin ha delle ottime velocità di punta, nonostante gli evidenti problemi in giornata, con 335 km/h. Seguono le McLaren con 333 e 322 km/h, e infine le Ferrari che arrivano appena a 330 km/h.

Analisi GPS

Analisi Telemetrie Qualifiche Imola - VER vs. PIA vs. LEC
Compare VER vs. PIA vs. LEC – © Filippo Pesavento

Analizzando infine i dati GPS la situazione globale viene confermata: Verstappen ottiene un guadagno enorme dalla scia ricevuta nel primo rettilineo, raggiungendo i 340 km/h alla staccata di curva 1. La Red Bull sembra essere salita di motore rispetto alle prove libere, dato che riesce a tenere testa a McLaren e Ferrari in trazione e uscita dalle curve lente. Leclerc continua ad utilizzare uno stile di guida differente, parzializzando l’acceleratore in molte curve; nonostante questo, la Ferrari non è riuscita a capitalizzare sull’ottima forma dimostrata il venerdì.

Crediti immagine di copertina: @redbullracing su X


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


 

Articoli Correlati

F1 | McLaren – Rivoluzione tecnica: Key fuori, dentro l’ex Ferrari Sanchez

Marco Cesaroni

F1 | Il segreto per blindare Verstappen in Red Bull? Ecco la strategia del team

F1 | Mick Schumacher in Mercedes? Lui si sente pronto e zio Ralf suggerisce il suo nome

Vanessa Cravotta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.