Giugno 12, 2024
Paddock News 24
F1LasVegasGPPN24

F1 | GP Las Vegas – McLaren in difficoltà nelle prove libere, Andrea Stella: “Condizioni mai viste”

Molti i problemi in casa McLaren nel venerdì del GP di Las Vegas. Norris e Piastri concludono le prove libere 2 fuori dalla Top 10.

Ancora prima di scendere in pista per le prove libere di Las Vegas, Norris aveva messo le mani avanti, dicendo che non sarebbero stati competitivi come i weekend precedenti; tuttavia, essendo anche un circuito nuovo e la McLaren una macchina dalle mille sorprese, la speranza è sempre l’ultima a morire.

Las Vegas McLaren prove libere
La McLaren di Oscar Piastri sfreccia nel circuito di Las Vegas durante le prove libere 2 (@McLarenF1 su X)

Un inizio caotico

Alle 5.30 italiane (mezzanotte a Las Vegas) è scattato il cronometro ed è iniziata la prima sessione di prove libere. I piloti hanno potuto completare soltanto pochi giri poiché, dopo soli 20 minuti, gli stewards hanno fatto sventolare la bandiera rossa a causa di una Ferrari ferma in pista.

La vettura di Carlos Sainz era stata gravemente danneggiata dall’esplosione di un tombino che ha compromesso il fondo, la batteria ES, il motore a combustione interna (ICE) e la cellula di sopravvivenza. La sessione è stata sospesa, per riparare la pista ed effettuare ulteriori accertamenti. Le FP2, il cui inizio è stato ritardato di due ore e mezza, sono perciò state l’unico riferimento per i piloti questo venerdì.


Leggi anche: F1 | GP Las Vegas, Sainz: “Pagherò io per gli errori degli altri”


Problemi di grip e degrado per la McLaren

Con una sessione di prove libere in meno, in un circuito ancora sconosciuto, la McLaren ha cercato di sfruttare le FP2 il più possibile. Tuttavia, le difficoltà della MCL60 sono emerse sin dai primi giri. Entrambi i piloti hanno iniziato montando le soft per la simulazione qualifica e hanno concluso con le medie e le soft usate per testare il passo gara.

Con le gomme più morbide hanno accusato subito un forte degrado, che è migliorato di poco con le medie. Il passo gara è più incoraggiante ma rimane molto lontano da quello di Ferrari o Red Bull. Nel team papaya il tempo migliore è stato segnato dal pilota australiano in 1.40.435 con gomma soft usata, a quasi due secondi dal miglior tempo di Carlos Sainz in simulazione gara con gomma media.

Nei pochi giri delle FP1, Lando Norris si era aperto in radio segnalando tanto porpoising e bottoming, che rendevano la macchina quasi inguidabile. Nella sessione successiva, sono stati fatti dei miglioramenti al set up ma entrambi i piloti sono scesi scontenti delle prestazioni mostrate in pista. Fuori dalla top 10, Lando Norris ha concluso in undicesima posizione, Piastri in quattordicesima.

Le Parole dei piloti e del Team Principal della McLaren dopo le prove libere 2 del GP di Las Vegas

Oggi è stato un giorno difficile per noi. Il grip che avevamo era molto basso e le nostre gomme erano molto usurate” ha spiegato il Lando Norris. “Siamo molto lontani dalle performance degli ultimi weekend ma penso che ce lo aspettavamo tutti. Le nostre prestazioni sono simili a quelle di Monza o di altri circuiti a basso carico. E’ una situazione difficile al momento, ma sono sicuro che domani miglioreremo.”

Oscar Piastri era emozionato di scendere in pista a Las Vegas ma anche lui ha riscontrato molte difficoltà “La pista era molto scivolosa e l’asfalto molto accidentato, ma è stato bello girare. Le gomme hanno riscontato molto degrado e domani dovremo cercare di risolvere il problema.” Chiude però con una nota di speranza per il sabato e si scusa con i fan, che non hanno potuto assistere all’unica sessione di prove libere.

I problemi del team di Woking non riguardano solo il degrado o le oscillazioni dovute all’asfalto. Andrea Stella, team principal della McLaren, fa chiarezza sull’argomento. “Abbiamo avuto alcuni problemi con il raffreddamento della macchina, il che significa che abbiamo perso un po’ di tempo all’inizio della sessione […] Le condizioni qui sono uniche, con caratteristiche dell’asfalto e temperature particolari”.

Questo però non deve scoraggiare i fan papaya. Il TP continua dichiarando che hanno raccolto molti dati e “c’è ancora della performance da sbloccare, quindi rimaniamo positivi per il resto del weekend”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Immagine di copertina: @F1 su X

Articoli Correlati

F1 E-Sports | Red Bull si unisce a Verstappen per vincere anche nel virtuale

Erika Di Guido

WEC | 6 Ore del Fuji – Ferrari e AF Corse per una nuova impresa, Cannizzo: “Qui, per ribaltare il pronostico”

Lorenzo P

F1 | GP Austria – Sainz dopo la gara: “Sono frustato per il risultato”

Luigi Belfiore

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.