Luglio 24, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Il regalo di Vettel per la stagione 2023 di Aston Martin

La stagione 2023 di Aston Martin è stata al di sopra delle aspettative iniziali anche grazie al lavoro di sviluppo svolto da Sebastian Vettel fino al 2022

Se la stagione 2023 di Aston Martin è partita con il piede giusto il merito è anche di Sebastian Vettel. Questo è quello che pensa Tom McCullough, direttore delle prestazioni della scuderia inglese. Così al termine della stagione, viene riconosciuto il grande merito del quattro volte campione del mondo.

Considerando che lo scorso anno Aston Martin si era aggiudicata solo il settimo posto nel campionato piloti, le ottime prestazioni ottenute a inizio 2023 sono sembrate quasi del tutto inaspettate. Può confermarlo anche Fernando Alonso che, soprattutto durante le prime gare, si è ritrovato a guidare una vettura del tutto competitiva.

Vettel Aston Martin 2023
Sebastian Vettel saluta il pubblico di Abu Dhabi (teatro della sua ultima gara di Formula 1), © eurosport.de

Dopo le prime gare, infatti, Aston Martin si è forgiata del titolo di anti-Red Bull, occupando il secondo posto nel campionato costruttori per gran parte della prima metà della stagione. Proprio Alonso, che più volte è andato a podio durante tutta la stagione, aveva preso il posto di Vettel.


Leggi anche: F1 | Rivoluzione Mercedes: il progetto 2024 rischia di essere fallimentare?


Quindi, nonostante l’involuzione delle prestazioni del team di Lawrence Stroll, va riconosciuto gran parte del lavoro sulla monoposto è stato svolto proprio da Vettel. “Da noi è arrivato dopo essere stato protagonista con due team campioni del mondo (Red Bull e Ferrari). Era inevitabile che avesse un impatto molto positivo su tutto il team” ha dichiarato McCullough.

Vettel è un lavoratore instancabile. Ci ha dato una grandissima mano con il simulatore e grazie a lui abbiamo compreso al meglio la macchina. Non solo: ci ha dato una mano anche negli sviluppi successivi, nonostante avesse già scelto di appendere la tuta al chiodo. Per questo si merita tutti i nostri ringraziamenti” ha continuato il dirigente del team inglese.

Nonostante non gli abbiamo garantito una macchina competitiva durante le sue due stagioni con noi, ha preso parte ai primi progressi che hanno dato vita al progetto del 2023. Ma capita spesso che i piloti assistano agli sviluppi di una macchina solo dopo aver lasciato il team. Così sono condannati a vedere gli altri a poter esultare per il lavoro fatto in precedenza” ha concluso poi McCullough.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

MotoGP | GP Americhe 2024, RISULTATI FP2: Martin e Vinales alieni!

Luigi Belfiore

Formula E | Bernie Ecclestone non ha dubbi: “Categoria a livello della Formula 1”

Alessandro P

F1 | GP Australia – Anteprima Pirelli: le mescole scelte e l’analisi dell’asfalto

Vanessa Cravotta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.