Giugno 12, 2024
Paddock News 24
F1PN24

F1 | Ricciardo, l’AlphaTauri e l’inaspettata rinascita: “Vincere non è tutto”

Il pilota di AlphaTauri, Daniel Ricciardo, ha dichiarato di sentirsi rinato da quando è ritornato in Formula 1 grazie alla scuderia di Faenza

Daniel Ricciardo sostiene che l’effetto AlphaTauri abbia dato vita a una rinascita. Al termine della scorsa stagione, infatti, Ricciardo non era stato confermato dalla McLaren, perdendo di fatto il sedile di una F1. Il rapporto tra Ricciardo e McLaren non è mai stato idilliaco come si sperava all’inizio dell’esperienza inglese del pilota numero 3.

Nelle due annate con il team di Woking, infatti, Ricciardo è stato più volte sconfitto dal giovane Lando Norris. Unico acuto nella sua esperienza con i papaya è la vittoria di Monza nel 2021. Per il resto, si può parlare di un totale fallimento. Ma per un pilota come Ricciardo è difficile stare lontano dal paddock.

ricciardo alphatauri rinascita
Daniel Ricciardo al GP d’Ungheria – @AlphaTauriF1 on Twitter

A luglio è arrivata la chiamata di AlphaTauri per sostituire Nick De Vrijes. Le deludenti prestazioni dell’olandese hanno costretto il team di Faenza a cambiare la line-up titolare. Così Ricciardo ha ottenuto il tanto agognato sedile perso solo qualche mese prima, ripartendo dalle origini (l’esordio in F1 era avvenuto proprio con l’allora Toro Rosso).


Leggi anche: F1 | Scoppia un nuovo scandalo in Formula 1? Le accuse a Toto Wolff


Ma dopo appena due gare, l’australiano è costretto a fermarsi ancora a causa della frattura alla mano rimediata a Zandvoort. Alla fine, ha potuto prendere parte solo alle ultime 5 tappe del mondiale, tornando in pista ad Austin.

Nonostante i due stop forzati, Ricciardo sostiene di essere rinato. “Se penso al fatto che un anno fa pensavo di non poter mai più correre in F1 mi ritengo estremamente fortunato. Ho dovuto aspettare poco per ritornare e avere una nuova possibilità per me è stata un grandissima boccata di aria fresca. Una rinascita e anche un modo per sentirmi più giovane di quanto lo sono effettivamente” ha dichiarato.

Ora sono felice perché so che il mio divertimento dipende dal correre, non dal vincere necessariamente. Per troppo tempo ho pensato solo a gareggiare per essere in lotta per la vittoria. Ora invece ho capito che la gioia più grande sta nel gareggiare e nello spingere al massimo queste vetture” ha poi concluso l’ex McLaren.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

WEC | Mercato – Altro arrivo eccellente in casa BMW: Frijns sarà pilota di sviluppo per il Team WRT

Lorenzo P

DTM | “Piuttosto irrealistico che continuasse così”, l’esperienza del sim driver Tim Heinemann

Alessandro P

F1 | Ferrari, Vasseur: “Stiamo già lavorando sulla vettura 2024. Vogliamo cambiare direzione”

Federico Palmioli

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.