Luglio 23, 2024
Paddock News 24
PN24

F1 | Stagione 2023 nella terra di nessuno per Gasly, all’esordio con Alpine

Stagione 2023 da manuale per Gasly in Alpine, nonostante la poca concorrenza da parte delle altre scuderie.

Nella stagione 2023 di F1, Pierre Gasly ha esordito con il team francese Alpine, dopo anni passati tra Red Bull, Toro Rosso e AlphaTauri. Al suo primo anno, è riuscito a battere il compagno di squadra Esteban Ocon, portando a casa quattro punti in più del connazionale.

Ha concluso 13 delle 28 gare a punti, con due podi, uno nella Gara Sprint del GP del Belgio, l’altro nel GP d’Olanda. Nella classifica piloti, si è posizionato undicesimo, immediatamente davanti ad Ocon. Il francese si è qualificato 13 volte per il Q3, una in più del suo compagno.

gasly alpine stagione 2023
Pierre Gasly che festeggia il podio ottenuto nella Gara Sprint del GP del Belgio. credit: @AlpineF1Team on X

Leggi anche: F1 | Stagione a due facce per Aston Martin. C’è qualcosa da recriminare?


L’analisi della stagione

Per essere una prima esperienza, non si può dire sia andata male. Ciò che si può dire però è che spesso Gasly ha avuto una macchina posizionata nella terra di nessuno. Alpine è stato l’unico dei dieci team ad essere stato escluso di fatto dai due gruppi principali: il gruppo di chi è stato in grado di lottare per le alte posizioni, ed il gruppo di chi ha dovuto costantemente lottare per non finire ultimo nei costruttori. Insieme alle Aston Martin per qualche periodo, le vetture francesi non hanno avuto molta competizione a livello di punti. Questo ha permesso di avere meno pressione, di poter rischiare di più sulle strategie e di lasciar gareggiare liberamente i propri piloti.

Nonostante la scuderia francese abbia sofferto molto di problemi di affidabilità, Gasly è stato vittima di solo due degli otto ritiri occorsi al team, nel GP d’Australia e in quello di Ungheria. Gli altri sei sono arrivati tutti dall’altra parte del garage.

La migliore gara della sua stagione è senza dubbio quella olandese, dove ha concluso al terzo posto davanti a Perez e Sainz. Per quanto riguarda la peggiore, si può dire sia quella del GP d’Australia, dove Gasly ed il suo compagno si sono fatti fuori da soli verso fine gara, alla ripartenza da una bandiera rossa, finendo entrambi contro il muro.

 


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Immagine di copertina: @AlpineF1Team on X

 

Articoli Correlati

IMSA | 12 ore di Sebring – Risultati dopo 6 ore: Acura ci prova, Cadillac torna in testa

Francesco Ghiloni

F1 | GP USA – Leclerc elogia la Ferrari in pole position nelle qualifiche di Austin

Marco Cesaroni

F1 | GP Australia – Anteprima Ferrari, Leclerc: “Serve una vettura solida che ci permetta di spingere”

Federico Palmioli

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.