Luglio 15, 2024
Paddock News 24
PN24

F1 | Tombino che salta, non è la prima volta: ecco i precedenti

Il caso del tombino saltato nel GP di Las Vegas non è una prima volta, è successo spesso nella storia. Vediamo i precedenti.

Nonostante lo sgomento e le critiche a pioggia ricevute dagli organizzatori, il caso del tombino del GP di Las Vegas non è una rarità. È successo già altre volte nella storia. Andiamo ad analizzare i diversi casi.

Durante le FP1 del Gran Premio di Las Vegas, il pilota della Ferrari Carlos Sainz è stato costretto a fermare la macchina per un problema, inizialmente ignoto. Solo dopo un po’ di tempo si è capita la causa: un tombino ha ceduto, e ha danneggiato gravemente il fondo ed il motore della vettura numero 55. Questo ha causato una bandiera rossa, che si è protratta per tutti i 40 minuti rimanenti della sessione, e sta ritardando di molto l’inizio delle prove libere 2.

gp las vegas tombino
Il caso del tombino nel GP di Las Vegas non è isolato. In foto, un onboard della McLaren di Jenson Button nel GP di Monaco del 2016. credit: @TelemetricoF1 on X

Leggi anche: F1 | GP Las Vegas – Cronaca LIVE FP2: piloti alla ricerca del limite


 

I precedenti

Come detto, un tombino che salta non è una cosa inconsueta in Formula 1. Purtroppo nella storia è successo più di qualche volta, causando sempre spavento e danni alle vetture. Analizziamo insieme i diversi casi.

Nel 2005, durante l’ultima gara della stagione, la McLaren di Montoya si trovò sulla strada un tombino aperto, ricavandone un enorme taglio sulla gomma e danni al fondo. Questo causò il ritiro della vettura, e la fine dei sogni di conquista del mondiale costruttori per i britannici.

Cinque anni dopo, nel 2010, toccò invece a Barrichello, a Monaco. In una gara particolare, caratterizzata addirittura da quattro safety car, il brasiliano si ritrovò in testacoda fermo in mezzo alla pista, apparentemente senza spiegazione. Si scoprì poi successivamente che un tombino nel circuito aveva ceduto e questo aveva causato il ritiro della vettura.

Un altro caso, sempre a Monaco, avvenne nel 2016, quando, Jenson Button, pilota McLaren, si trovò di fronte un tombino sollevato dalla Mercedes di Rosberg subito dopo curva 1. Fortunatamente ciò avvenne nelle prove libere, quindi non ci fu nessuna grave ripercussione.

L’anno dopo, nelle prove libere del GP della Malesia del 2017, la Haas di Romain Grosjean colpì un tombino fuori posto, finendo contro le barriere. La scuderia americana ottenne però un risarcimento pari al danno causato alla vettura.

L’ultimo e più recente caso, quando nelle prove libere 1 a Baku, nel 2019, la Williams di Russell sollevò un tombino dalla pista, danneggiando gravemente la vettura. Fu costretto poi a saltare anche la seconda sessione, esattamente come molto probabilmente succederà a Sainz nel weekend di Las Vegas.

 

 


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Immagine di copertina: @TelemetricoF1 on X

 

Articoli Correlati

F1 | GP Monaco – Anteprima Sainz: “Possiamo essere davanti”

Vanessa Cravotta

MotoGP | Petrucci rimpiazzerà Bastianini a Le Mans

Gaia Assogna

F1 | Bearman ha fatto colpo: quattro team sono interessati a lui

Eleonora M.

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.