Luglio 22, 2024
Paddock News 24
F1IntervistaIntervista ESCLUSIVAPN24

F1 | Troppo spettacolo e poco sport? Ce ne parla Tonio in un’intervista ESCLUSIVA

In un’intervista con Paddock News 24, Tonio ci ha raccontato il suo punto di vista riguardo alla relazione tra la F1 e lo spettacolo che si sta creando tutto attorno.

La F1 con Liberty Media sta cercando in ogni modo di creare spettacolo. Lo fa sia direttamente in pista con format innovativi, che nei Paddock con i centinaia di ospiti che ad ogni GP vengono invitati. Un esempio lampante è senz’altro Las Vegas. Tra matrimoni nel Paddock, l’incredibile cerimonia d’apertura, e VIP in ogni angolo, lo show non è di certo mancato. In occasione della Final Cup WSK, abbiamo potuto chiacchierare con Tonio, youtuber che tratta di Formula 1, e ascoltare la sua opinione in merito.

F1 spettacolo
Le piattaforme di sollevamento durante la cerimonia inaugurale Fonte: @ f1ingenerale

Ultimamente sempre più VIP presenziano nei Paddock. Tu che ci sei stato a Monza, ritieni che abbiano partecipato troppi personaggi non inerenti alla Formula 1, o si è creato il giusto equilibrio?

“Ci sono troppe persone nel Paddock, penso che ci debbano essere più giornalisti e chi di competenza piuttosto che i soggetti che vengono chiamati fare spettacolo e avvicinare altro pubblico. Personalmente non sono d’accordo a questa gestione, penso che ci siano persone che meritano di più quel posto. Io stesso sono un influencer, ma anche se sono del settore si preferiscono altre figure maggiormente conosciute e che, quindi, portano più pubblico. La Formula 1 con Liberty Media ha scelto un percorso per portare più spettatori in questo mondo attraverso determinate mosse di marketing”.

Sei favorevole ai tentativi di Liberty Media di trovare dei modi per aumentare lo spettacolo in F1?

Sono dell’idea che non debba essere lo sport ad adattarsi allo spettacolo, ma è lo spettacolo che deve adattarsi allo sport. Per questo condanno la sprint race. Per fortuna in Formula 1 vince ancora il più forte: la Red Bull e Verstappen sono superiori a tutti al momento. Questa è una cosa negativa per Liberty Media, in quanto è alla ricerca dello spettacolo.

Al momento confido nel fatto che i team possano arrivare a conoscere talmente bene il regolamento da raggirarlo e andare oltre alle intenzioni di Liberty Media, secondo cui tutti se la dovrebbero poter giocare. I domini in Formula 1 sono sempre esistiti e devono esistere. C’è stata l’era di Schumacher, quella di Hamilton e adesso è il momento di Verstappen. Il dominio fa parte dello spettacolo, e il pubblico deve essere educato che questo è spettacolo.”


Leggi anche: F1 | Analizziamo i progressi di alcuni team nel 2023 insieme a Tonio in ESCLUSIVA


La F1 negli ultimi anni ha sperimentato delle nuove gestioni dei weekend. Tu hai espresso il tuo disappunto per la sprint: quale sarebbe il format ideale secondo te?

“Io vorrei mantenere il vecchio format. Con tutte le tre sessioni di libere i team possono fare un corretto setup della macchina, e in qualifica il giro del pilota è più tendente all’essere il giro più veloce al mondo. Adesso invece, con solo le FP1 e poi subito qualifica e giornata sprint, il pilota potrebbe non tirare fuori un tempo come con il classico format.

Ho sempre reputato la F1 la perfezione, l’apice massimo del motorsport. In questo modo [con il format sprint], però, questo apice viene a mancare perché non c’è la giusta preparazione. Il tempo che le squadre impiegano nelle prove libere non deve piacere al pubblico, ma serve per preparare la macchina”.


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Articoli Correlati

F1 | GP Singapore, Sainz dopo la vittoria:”Paura? Mai avuta”

Luigi Belfiore

F1 | GP Gran Bretagna – Tensione tra Sainz e Leclerc in Qualifica: ecco i team radio

Maria Grazia De Sanctis

F1 | GP Austria – Russell racconta: “Mi stavo per schiantare” e la colpa e di Wolff

Vanessa Cravotta

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.