Luglio 15, 2024
Paddock News 24
MotoGPPN24

MotoGP | Meda racconta la MotoGP: “Ogni era ha il suo modo di essere personaggio”

In un’intervista, Guido Meda ha parlato della MotoGP attuale, raccontando i vari cambiamenti che ci sono stati negli anni.

In un’intervista riportata da GPone.com, Guido Meda ha parlato della MotoGP attuale. Il giornalista di Sky Sport ha raccontato quali cambiamenti ci sono stati nel corso degli anni, facendo paragoni anche tra le varie generazioni di piloti. Meda, si è espresso poi in merito all’imitare la F1, prendendola come esempio in MotoGP. Inoltre, ha rivelato chi, secondo lui, sarà il favorito al titolo in questa stagione 2024. 

Guido Meda parla della MotoGP attuale Credit: AutoMotoriNews (via Google)

In merito ai piloti di oggi, Meda ha dichiarato: “I fantastici 4 sono diventati i fantastici 10 o 11? É una provocazione dire così”.

“Ho la sensazione che, rispetto alla generazione di Valentino e alle precedenti, dove i contenuti audio-visivi erano pochi, la gente abbia un po’ perso il senso di quello che abbiamo visto in questi ultimi anni”.

Togliere i meriti ai Bagnaia, ai Martin, ai Bastianini, ai Bezzecchi non è secondo me tanto giusto. Forse siamo rimasti un po’ nostalgici nella ricerca del personaggio”.

Ogni era ha il suo modo di essere personaggio. Probabilmente un pilota che si comportasse come Valentino nei suoi primi anni di carriera oggi verrebbe fatto a pezzi”.

Ci sta che siano ragazzi più compassati, senza contare che sono aumentate le competenze e le attività da fare per essere un campione: l’alimentazione, la preparazione fisica, la conoscenza della dinamica del veicolo e dell’elettronica”.

Non é più come vent’anni fa quando potevi fumare una sigaretta prima e dopo la gara”.


Leggi anche: MotoGP | Ezpeleta ha parlato dei regolamenti del 2027 che limiteranno l’aerodinamica


Il pilota rimane nella stessa cosa di prima, è cambiata la vita nel paddock. Magari non lo vediamo, ma se ci piace ‘l’ignoranza’ non si è persa in nessuna di questi ragazzi”.

In seguito, parlando del prendere come modello la F1, afferma: “Andare a imitare la Formula 1 per certi versi può far bene ma per altri finisce per snaturare la MotoGP, l’accessibilità dell’ambiente e dei suoi personaggi. Le cose vanno fatte con attenzione”. 

Quanto può crescere ancora la MotoGP? Dove possa arrivare la MotoGP non lo so, il mio compito è portarla il più alto possibile. La ricetta è raccontarla con amore e passione”. 

Su questa stagione che comincerà a breve, Meda rivela chi, secondo lui, sarà il favorito per il titolo.

Mi aspetto la stagione che ci aspettiamo tutti. La Ducati rimarrà il riferimento. Per il favorito al titolo sarebbe sbagliato non dire che è Bagnaia”. 

“Come outsider, se possiamo definirlo così, per me è Bastianini. È ovvio che verrebbe da dire Marquez ma immagino che Marc sarà sempre competitivo”.

Anche quest’anno Meda sarà la voce ufficiale di Sky Sport MotoGP, affiancato  sempre da Mauro Sanchini.

 


Seguici sui social: TelegramTikTokInstagramFacebookTwitter


Immagine di copertina Credit: Tv Sorrisi e canzoni (via Google)

 

Articoli Correlati

F1 | Sainz frustrato, non ha buone speranze per la Ferrari: ecco le sue previsioni per i prossimi GP

Maria Grazia De Sanctis

F1 | GP Olanda, ufficiale la frattura al polso per Ricciardo

Francesca Anna T

F1 | Lando Norris e quell’occasione sprecata in Qatar

Antonio Spina

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.