Maggio 21, 2024
Paddock News 24
IndyCarPN24

IndyCar | Sonsio Indianapolis GP 2024 – Anteprima e Orari TV

Maggio, per l’IndyCar, è sinonimo di Indianapolis Motor Speewday, a partire dal Sonsio Grand Prix 2024, che si terrà sul circuito stradale

Per l’IndyCar è ufficialmente cominciato il “Month of May 2024“, che la vedrà impegnata all’Indianapolis Motors Speewday per due eventi. Il Sonsio Grand Prix, sul tracciato stradale (l’11 Maggio) e la celeberrima 500 Miglia – edizione numero 108 – sull’ovale (26 Maggio). A questi appuntamenti, si aggiungeranno tutte le varie sessioni di prove, in preparazione della stessa Indianapolis 500.

Prima, però, spazio al Gran Premio d’Indianapolis, nel calendario dell’IndyCar dal 2014. Da ormai dieci anni, infatti, la serie ha recuperato – rallentandola – la pista dove ha corso la Formula 1 tra il 2000 e il 2007. Il tracciato, da percorrere in senso orario, utilizza il rettilineo principale dell’ovale, oltreché una porzione delle curve 1 e 2 dello stesso catino e un raccordo, costituito da una sezione interna ‘mista’.

Si correrà, eccezionalmente, di sabato, con le prove libere e le qualifiche al venerdì. Il tutto, per permettere una migliore organizzazione logistica in vista delle due settimane successive. In testa alla classifica, dopo Birmingham, c’è Colton Herta. L’alfiere dell’Andretti Global conta 101 punti. Secondo Will Power, con 100 lunghezze. Poi, Alex Palou, Scott Dixon e Felix Rosenqvist, rispettivamente, a quota 98, 94 e 87.

L’Indianapolis Motor Speedway

Il circuito stradale di Indianapolis conta 14 curve e misura 2,439 miglia (3,925 chilometri). La gara si svolgerà sulla distanza di 85 giri, equivalenti a 207,315 miglia (333,641 chilometri). Rispetto agli altri autodromi permanenti del calendario, il tracciato dell’Indiana è meno complesso, sia dal punto di vista planimetrico, che altimetrico.


Leggi anche: Leggi anche: Leggi anche: IndyCar | Ufficiale: Prema Racing sbarcherà oltreoceano dal 2025


Al termine del lungo rettilineo di partenza e arrivo, si stacca forte e si affronta la prima chicane – curve 1 e 2 – in seconda marcia. In uscita, verso la destrorsa curva 3, si sale fino alla quarta, riscalando in terza per la curva 4, a destra. Si affronta poi un breve allungo e di nuovo in quarta si transita – tagliando sui cordoli – per la veloce chicane 5/6. La chicane conduce i piloti sul rettilineo opposto, dove si inserisce di nuovo la sesta.

La successiva staccata della curva 7, una delle frenate più impegnative, è una curva a 90°, da seconda (o anche da prima). Si entra nell’ultima sezione del circuito. In uscita dalla 7, altra breve accelerazione, fino alla terza chicane, quella delle curve 8/9, in terza marcia. Dopodiché, la velocità aumenta progressivamente e si percorre la curva 10 – in quarta – e il curvone 11, da quinta, ormai quasi in pieno.

Ennesima frenata, si scalano tre marce e si gira a destra, per la quarta chicane, 12/13. La curva 12 si disegna sfiorando il cordolo con l’anteriore destra e mantenendo la seconda marcia, ‘giocando’ col pedale del gas, s’inserisce la vettura nella curva 13. Già in uscita si sale in terza.

Resta l’ultima curva, a destra – ricavata dalla prima curva dell’ovale – dove si guida con la mano sul cambio, salendo coi rapporti. In uscita dal curvone 14, si è di nuovo in quinta. Una volta riallineato l’asse anteriore, i piloti riprenderanno nuovamente il rettilineo principale, in sesta piena.

Pur nella sua linearità, il disegno consente diverse possibilità di sorpasso. In gara, dunque, almeno teoricamente non dovrebbero mancare i duelli.


IndyCar Indianapolis 2024
Il “Month of May” dell’IndyCar s’inaugura con il Sonsio Grand Prix 2024, che si correrà sul percorso stradale di Indianapolis, all’interno del celebre ovale – Official NTT IndyCar Series Website Credits

Statistiche e record

Dal suo esordio in calendario, l’IndyCar ha organizzato in questo circuito quindici corse. Quelle valide come ‘Gran Premio di Indianapolis’ – ossia la gara che si corre a Maggio – sono state nove. Il primo vincitore, nel 2014, è stato Simon Pagenaud, alla guida della Dallara-Honda numero 77 del Sam Schmidt Motorsports. Il francese si è ripetuto altre due volte, nel 2016 e nel 2019, entrambe con il Team Penske.

La storica compagine di Mooresville ha ottenuto il successo anche nel 2015, 2017 e 2018. In tutti e tre i casi, al vertice si è issato Will Power. Un primo posto ciascuno per Rinus VeeKay (Ed Carpenter Racing, nel 2021), Colton Herta (Andretti, nel 2022) e Alex Palou (Chip Ganassi Racing, nel 2023).

Nel 2020, nonostante formalmente il Gran Premio non si sia tenuto, l’IndyCar ha disputato sullo stradale tre competizioni. Il 4 Luglio, con vittoria di Scott Dixon (Chip Ganassi Racing) e il 2/3 Ottobre – per la doppia gara dell’Harvest GP – con i primati di Josef Newgarden e Will Power, alfieri del Team Penske.


Leggi anche: IndyCar | Ufficiale: risolto il contratto di David Malukas in Arrow McLaren


Giova inoltre ricordare che proprio dal 2020 – e fino al 2023 – si è qui corso in concomitanza con la NASCAR. Cambiava soltanto lo sponsor che intititolava la gara, denominata – nell’ordine – GMR Grand Prix (2020), Big Machine Spiked Coolers Grand Prix (2021), Gallagher Grand Prix (2022 e 2023). Per il 2024, si è deciso di non organizzare più un secondo evento in questa sede, tornando al formato in vigore sino al 2019.

Per le statistiche, oltre al successo di Dixon, hanno iscritto il loro nome in questa competizione anche Will Power (2021) e Alexander Rossi (2022). Il neozelandese della Ganassi si è ripetuto pure nel 2023, per altro al termine di un’incredibile rimonta.

IndyCar Indianapolis 2024
Sullo stradale di Indianapolis, Will Power ha ottenuto cinque successi in IndyCar, tre dei quali nel Gran Premio del Mese di Maggio (2015, in foto; 2017 e 2018) e per la gara del 2024 si presenterà con grandi ambizioni – Chris Jones/Official NTT IndyCar Series Website Credits

Orari TV e streaming

In Italia, il Sonsio Grand Prix di Indianapolis 2024 sarà trasmesso in diretta esclusiva su Sky Sport, con la telecronaca di Matteo Pittaccio. Tutte le altre sessioni (prove libere, qualifiche e Warm Up) si potranno seguire su IndyCar Live (INDYCAR LIVE), previa sottoscrizione dell’abbonamento.

Venerdì 11 Maggio

15:30 | Prove Libere 1| Diretta su INDYCAR LIVE

19:10 | Prove Libere 2 | Diretta su INDYCAR LIVE

22:20 | Qualifiche | Diretta su INDYCAR LIVE

Sabato 12 Maggio

17:15 | Warm Up | Diretta su INDYCAR LIVE

21:30 | Gara | (Bandiera Verde alle 21:45) Diretta su Sky Sport


Segui il nostro canale Telegram dedicato all’IndyCar

Seguici sui social: Telegram – TikTok – Instagram – Facebook – Twitter


Copertina: Walt Kuhn/Official NTT IndyCar Series Website Credits

Articoli Correlati

F1 | Ferrari, Vasseur critica Alonso: “È stato pericoloso”

Francesca Anna T

IndyCar | Iowa 250 RW – Gara 2 – Rosenqvist rammaricato: “Mai stato così insoddisfatto per un quarto posto”

Lorenzo P

F1 | GP USA – Leclerc elogia la Ferrari in pole position nelle qualifiche di Austin

Marco Cesaroni

Lascia un commento

* By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.